Torino

Storia, notizie e risultati del Torino, club italiano fondato nel 1906.

È il 1887 quando nel capoluogo piemontese nasce il Torino Football e Cricket Club, la più antica società calcistica italiana. Negli anni successivi vengono assorbite anche la Nobili Torino e il Football Club Torinese. Ma la vera svolta arriva nel 1906, con un gruppo di ragazzi guidato da Alfred Dick che decide di staccarsi dalla Juventus, orientata verso il professionismo, e confluire nei rivali cittadini. Dopo aver utilizzato diversi colori sociali, dal rossonero all’arancio e nero, il club decide di adottare il granata. Solo con la conclusione della Grande Guerra il Torino riesce ad emergere a livello nazionale. E nel 1927 riesce a conquistare il primo titolo nazionale: la Federazione però decide di revocare lo scudetto ai granata in seguito a un famoso scandalo, nominato ‘Caso Allemandi’.

Si tratta di una combine organizzata da un dirigente del Torino e il terzino della Juventus Allemandi. Il giornalista Renato Ferminelli rese noto l’accaduto e al Torino venne tolto il titolo di campione d’Italia. Che comunque arrivò l’anno successivo, stagione 1927-’28. E a metà degli anni ’30 ecco anche la prima Coppa Italia.Gli anni d’oro sono quelli a cavallo della Seconda Guerra Mondiale. Il Grande Torino di Valentino Mazzola è capace di vincere cinque scudetti di fila tra il 1943 e il 1949. Anche la Nazionale era composta per 10/11 da calciatori granata. La storia sarebbe continuata ancora a lungo se non fosse stato per la tragedia di Superga del 4 novembre. Dopo l’amichevole con il Portogallo, il Torino stava rientrando in città, ma a causa della fitta nebbia l’aereo che trasportava la squadra urtò contro la Basilica di Superga, andandosi a schiantare sulle omonime colline.

Nessun sopravvissuto, il calcio italiano dovette dire addio alla squadra più forte mai esistita. Seguirono anni buoi, caratterizzati anche dalla retrocessione in Serie B. Per ritrovare un Torino vittorioso serve arrivare alla fine degli anni ’60, inizio ’70. Nel 1968 e nel 1971 i granata alzano al cielo la loro terza e quarta Coppa Italia. Ma il successo più importante arriva cinque anni più tardi con la conquista del settimo - e ultimo - scudetto grazie alla coppia gol Pulici-Graziani. Per altri due anni il Torino rimase sulla cresta dell’onda, collezionando due secondi posti consecutivi. Poi più nulla fino all’inizio degli anni ’90. Con l’arrivo in panchina di Mondonico la squadra trova nuova verve e nel ’93 riesce ad arrivare in finale di Coppa Uefa contro l’Ajax. L’andata a Torino terminò 2-2, ad Amsterdam 0-0: i granata persero il trofeo continentale per la regola dei gol segnati fuori casa.

Il premio di consolazione arriva l’anno seguente: il club piemontese sconfigge la Roma in finale di Coppa Italia e alza al cielo quello che rimane l’ultimo trofeo vinto dai granata fino ad oggi. Gli anni 2000 sono caratterizzati dalla retrocessione in Serie B e dai problemi economici della società, risolti dall’editore Urbano Cairo che la trasforma da Srl in Spa grazie a un investimento da 10 milioni di euro. Il progetto tecnico viene affidato a Gianni De Biasi prima e a Giampiero Ventura poi. Con il passaggio dell’allenatore a ct della Nazionale, nell'estate del 2016 il Torino decide di puntare su Sinisa Mihajlovic, appena liberatosi dal Milan.

Partite e risultati

News

Tutte le news

Classifica

Classifica Serie A In casa Fuori casa
Pos Club PG V N P V N P DR PTI
4 Inter Inter 12 5 1 0 4 2 0 14 30
5 Lazio Lazio 12 3 1 1 6 0 1 18 28
6 Sampdoria Sampdoria 11 5 0 0 2 2 0 11 23
7 Milan Milan 13 3 1 2 3 0 2 1 19
8 Torino Torino 12 2 2 1 2 3 1 -2 17
9 Fiorentina Fiorentina 12 3 1 2 2 0 2 4 16
10 Atalanta Atalanta 12 4 2 1 0 2 1 3 16
11 Chievo Chievo 12 2 2 2 2 2 2 -5 16
12 Bologna Bologna 12 1 2 3 3 0 3 -4 14

Rosa

Portieri

Difensori

Centrocampisti

Attaccanti

Staff

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.