Mattia Caldara

Il centrale del futuro, alla Juventus solo di passaggio

Dall’Atalanta al Milan, passando per la Juventus. Senza mai essere veramente un bianconero, però: le vicende di mercato di Mattia Caldara sono davvero particolari. Come le sue qualità di difensore, che lo rendono uno dei centrali del futuro per la Nazionale italiana.

Specialista della difesa a tre, ma senza preclusioni per la linea a quattro, il numero 33 rossonero segue la scia della vecchia scuola italiana dei marcatori puri. Senza rinunciare a un discreto feeling con il gol: 15 nella sua ancora giovane carriera.

Nato a Bergamo il 5 maggio 1994, Mattia Caldara è esploso proprio grazie alla Dea. Gli è bastata la prima mezza stagione in Serie A, nel gennaio 2017, per convincere la Juventus dell’investimento. Dopo due anni in prestito, sempre all’Atalanta, ecco il grande salto alla Vecchia Signora. Finché lo scambio con Bonucci non ha subito riportato Mattia in Lombardia, stavolta da milanista.

Mattia Caldara: l’ennesimo gioiello del vivaio dell'Atalanta

La carriera di questo roccioso difensore (187 cm per 80 chili) comincia nel 2004. Quando cioè, alle porte dello Scanzorosciate, bussano i responsabili del settore giovanile dell’Atalanta. In nerazzurro percorre tutta la trafila di un vivaio famoso in tutta Europa e, dopo dieci anni, conquista l’esordio in Serie A: è il 18 maggio 2014, quando Mattia debutta a 20 anni contro il Catania.

I prestiti e l’esplosione a Bergamo

Nell’estate del 2014 l’Atalanta decide di mandarlo in prestito a farsi le ossa. Nel 2014/15 si trasferisce a Trapani, in Serie B, mentre l’anno successivo colleziona 27 presenze con il Cesena. Due stagioni bastano e avanzano per ritornare a Bergamo e giocarsi le proprie carte.

Con Gasperini in panchina, Caldara diventa presto un punto fermo della difesa orobica. Nella prima stagione gioca 30 partite e il 26 ottobre 2016 arriva già il primo gol in Serie A (la rete decisiva nel match esterno contro il Pescara). Il 25 febbraio segnerà anche al Napoli, toccando quota 7 reti nel suo primo vero campionato.

La Juventus, ancora la Dea e la sorpresa Milan

Come detto, la prima metà di stagione con l’Atalanta convince la Juventus dell’investimento in prospettiva: 15 milioni di euro alla società bergamasca, che ottiene di mantenere in prestito il giocatore fino al giugno 2018.

Nella seconda, vera stagione in nerazzurro aumenta il suo peso specifico all’interno dello scacchiere di Gasperini, debuttando anche in Europa League contro la storica vittoria per 3-0 contro l’Everton. La sua avventura alla Dea si conclude così con 66 presenze totali e ben 10 gol.

Quando tutto è ormai pronto per il grande salto alla Juventus, ecco che Mattia rientra nella maxi operazione con il Milan: i due club danno vita allo scambio tra lui e Leonardo Bonucci, per un valore di cartellino di 35 milioni di euro.

Sogno Azzurro con l'Italia

Per quanto riguarda il percorso in azzurro, l’esordio con l’Under 21 risale al 24 marzo 2016 contro l’Irlanda: partecipa poi all’Europeo Under 21 del 2017, dove l’Italia di Luigi Di Biagio avanza fino alla semifinale contro la Spagna.

La prima convocazione in Nazionale maggiore è del 19 maggio 2018, all’inizio dell’era Roberto Mancini: il debutto avviene invece il 1° giugno, nell’amichevole persa 3-1 contro la Francia.

Non solo calcio: la scelta universitaria

Nonostante sia diventato in poco tempo uno dei difensori più quotati del panorama italiano, l’ex centrale dell’Atalanta ha deciso di dedicare parte del suo tempo anche agli studi universitari: è lui il testimonial della LUISS Sport Academy, il corso ideato dall’ateneo romano per gli atleti professionisti.

Carta d'identità
Nome Mattia
Cognome Caldara
Data di nascita 05/05/1994
Nato a Bergamo
Stato Italy
Peso 75
Altezza 190
In campo
Numero di maglia 33
Ruolo Central Defender
Fascia Centre
Piede preferito Right
Nazionale Italy

News

Tutte le news

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.