Gonzalo Higuain

L'attaccante argentino della Juventus Gonzalo Higuain. Gol a tutte le latitudini e un addio al Napoli con tante polemiche

Quando Gonzalo Higuain nasce il 10 dicembre 1987, si trova in Francia, a Brest, dove papà Jorge, di professione calciatore, sta portando a conclusione la sua prima esperienza in Europa. Il richiamo dell’Argentina arriva però poco dopo, quando “El Flaco” Menotti lo riporta a casa, offrendogli un posto nel River Plate. Già a quell’epoca Jorge “El Pipa” (soprannome che deriva dal suo naso lungo e che sarà ereditato dallo stesso Gonzalo) e mamma Nancy, pittrice che si firma con lo pseudonimo “Zacarías”, capiscono che il loro terzo figlio dopo Nicolas e Federico (successivamente ne arriverà un quarto, Lautaro) è un combattente: ad appena dieci mesi dalla sua nascita viene colpito da una meningite fulminante, contro la quale lotta come un leone restando 20 giorni ricoverato in ospedale.

Quella stessa grinta se la porta dietro anche sui campi da calcio. Comincia nell’Atlético Palermo, squadra del quartiere di Buenos Aires dove abita, ma viene subito notato dal River Plate che lo porta nel suo settore giovanile quando ha appena 10 anni. Debutta in prima squadra a 17, il 29 maggio 2005 contro il Gimnasia y Esgrima, mentre il primo gol lo realizza a febbraio 2006 contro il Banfield. Nell’ottobre di quell’anno, colui che per tutti è ormai “El Pipita”, decide il Superclásico vinto 3-1 contro il Boca Juniors realizzando una doppietta.

Qualche giorno dopo arriva la chiamata dell’allora ct francese Domenech, che gli propone di entrare a far parte dei Bleus, sfruttando la sua nascita a Brest. Gonzalo risponde che è onorato, ma è argentino al 100% ed è nato in Francia solo per caso, per cui preferisce aspettare una convocazione dall’Albiceleste. Il telefono squilla due mesi dopo, ma dall’altra parte della cornetta non c’è l’Argentina, bensì il Real Madrid, che su indicazione del tecnico di allora Fabio Capello lo porta in Europa per 13 milioni di euro superando la concorrenza di Lazio, Milan, Juventus e Manchester United. Di quella cifra, però, solo il 24% finisce nella casse dei Millionarios, perché la percentuale maggiore del suo cartellino era stato acquistato precedentemente dal Locarno (serie B svizzera), club gestito da un gruppo di agenti argentini.

Gonzalo Higuain al Real Madrid

Il suo esordio con la maglia delle Merengues risale all’11 gennaio 2007, in Coppa del Re, contro il Betis. Il primo dei 122 gol che realizzerà nei suoi sei anni e mezzo a Madrid, arriva invece nel derby con l’Atlético. Un rapporto complicato quello con il Real, perché nel corso degli anni gli vengono preferiti di volta in volta i vari Raúl González, van Nistelrooy e Benzema, ma comunque pieno di trofei e soddisfazioni personali: tra questi il gol numero 700 del Real tra Coppa Campioni e Champions League e le 27 reti nella Liga 2009/2010, secondo solo a Lionel Messi (34) e davanti al neo-arrivato Cristiano Ronaldo (26).

Finalmente per Gonzalo Higuain arriva anche la convocazione dall’Argentina, in quel momento guidata dal ct Diego Maradona. Quando in panchina per i Blancos arriva José Mourinho, “El Pipita” si ritrova di nuovo in un ruolo marginale, così nell’estate del 2013 lascia Madrid per trasferirsi al Napoli di De Laurentiis, che con 37 milioni di euro supera la concorrenza di Arsenal e (ancora) Juventus.

Con il Napoli 91 gol in 146 partite

Con la maglia azzurra Higuaín comincia a essere amato alla follia dal suo pubblico, come non è mai accaduto con il Real Madrid. E questa fiducia a tratti incondizionata viene ripagata con la vittoria di una Coppa Italia, una Supercoppa italiana e il record storico della stagione 2015/2016, quando realizza 36 gol in 35 partite, superando così il primato di Gunnar Nordahl resistito dal 1950.

Proprio al termine di quel campionato, però, Gonzalo si trasforma in “core ‘ngrato”.Così come era stato soprannominato per lo stesso motivo Josè Altafini, con il suo passaggio nell'estate del 2016 alla Juventus, che paga al Napoli l’intera clausola rescissoria di 90 milioni. “El Pipita” diventa così l’acquisto più costoso della storia del calcio italiano. In pochi mesi a Torino, Gonzalo Higuain fa innamorare i tifosi bianconeri a suon di gol, segnando anche due gol dell'ex, in campionato e in Coppa Italia, sempre allo Juventus Stadium.

Carta d'identità
Nome Gonzalo
Cognome Higuaín
Data di nascita 10/12/1987
Nato a Brest
Stato Argentina
Peso 87
Altezza 184
In campo
Numero di maglia 9
Ruolo Striker
Fascia Centre
Piede preferito -
Nazionale France

News

Tutte le news

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.