Claudio Ranieri

Claudio Ranieri, nato a Roma il 20 ottobre 1951, è un ex difensore italiano e attualmente allenatore. Vive la prima esperienza da calciatore a sedici anni giocando come attaccante nel Dodicesimo Giallorosso. A scoprire le sue doti è Helenio Herrera, che decide di portarlo alla Roma e trasformarlo in un terzino. L'esordio in Serie A risale al 4 novembre 1973, si giocava Genoa-Roma. L'esperienza nella Capitale dura solo sei partite, nel 1974 Ranieri passa al Catanzaro e ne diventa recordman di presenze (128). Nel 1982 il trasferimento al Catania dove contribuisce alla promozione in Serie A dei siciliani. La carriera da calciatore si conclude al Palermo nel 1982.

Già pochi mesi dopo l'addio al calcio giocato, Ranieri decide di vestire i panni dell'allenatore, inizialmente alla guida dei dilettanti della Vigor Lamezia e poi in C1 con il Campania Puteolana. Le prime soddisfazioni arrivano con il Cagliari, che lo ingaggia nel 1988. Nell'arco di due anni vince la Coppa Italia di Serie C e passa dalla Serie C alla Serie A, mentre nella stagione 1990/91 riesce a salvare la squadra al termine di un'incredibile rimonta. La carriera di Ranieri prosegue al Napoli e alla Fiorentina, che nel 1993 è appena retrocessa in Serie B. In viola resta fino al 1997 collezionando una Coppa Italia e una Supercoppa Italiana.

Significativa è anche l'esperienza all'estero: dal 1997 al 2005 ha la possibilità di guidare squadre blasonate come il Valencia (con cui vince una Coppa di Spagna e una Supercoppa Europea), l'Atletico Madrid e il Chelsea. Dopo due anni di inattività e a dieci dall'ultimo incarico in Italia, a febbraio 2007 viene chiamato dal presidente Ghirardi per guidare il Parma al posto dell'esonerato Pioli. Con gli emiliani riesce a raggiungere una salvezza che sembrava impossibile prima di lasciare la squadra a fine stagione.

Nel 2007 l'approdo alla Juventus, che lo esonera a maggio 2009 a tre giornate dalla fine del campionato. Nel 2009 sposa il progetto della Roma sfiorando uno storico Scudetto, successivamente guida l'Inter, il Monaco e la Nazionale greca, tutte esperienza magre di soddisfazioni. A luglio 2015 diventa il nuovo tecnico del Leicester con il compito di raggiungere una salvezza tranquilla, ma a sorpresa le Foxes conquistano la Premier League scrivendo una delle pagine più belle della storia del calcio. Nella stagione successiva non riesce a ripetersi. Il Leicester naviga in zona retrocessione - ma è ancora in corsa in Champions League - e così il 23 febbraio 2017 viene sollevato dall'incarico. "È morto il mio sogno, volevo il Leicester a vita", saranno le sue parole all'indomani dell'esonero. 

Ai tempi del Chelsea gli venne affibbiato il soprannome 'The Thinkerman' per la sua indecisione nel comporre l'undici titolare. 

News

Tutte le news

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.