Champions League

La coppa dalle grandi orecchie: il Real Madrid l'ha conquistata 12 volte.

Da ormai 25 anni è stata ribattezzata Champions League, ma per i più romantici rimarrà sempre la Coppa dei Campioni. Quella dalle grandi orecchie insomma, la più ambita a livello europeo da ogni club, allenatore e calciatore. Ma ancora di più, da ogni tifoso che sogna un giorno di vederla alzare al cielo dal capitano della propria squadra. Un’esperienza vissuta finora dai sostenitori di 22 società, che a partire dal lontano 1955 si sono potute fregiare del titolo di più forti del continente. Il record assoluto e nettissimo appartiene al Real Madrid: quella vinta nel 2017 contro la Juventus è stata la dodicesima edizione culminata con il trionfo dei blancos. Un dominio cominciato con i cinque titoli consecutivi tra il ’55 e il ’60 - nella leggendaria epoca di campioni come Alfredo Di Stefano e Francisco Gento - e che nel 2014 ha visto le merengues tagliare il traguardo, prima formazione nella storia, dei dieci trofei. Sul secondo gradino del podio c’è un’italiana: sono 7 le coppe presenti nella bacheca del Milan, a partire dal primo successo del 1963. Segue un affollato terzo posto, dove convivono Liverpool, Bayern Monaco e Barcellona a quota 5: quella blaugrana, insieme allo stesso Real Madrid, è la squadra che ha vinto finora più edizioni (4) nel XXI secolo.

Le altre pluri-titolate sono l’Ajax (4), l’Inter e il Manchester United (con 3), la Juventus, il Benfica, il Nottingham Forest e il Porto (a quota 2), mentre Borussia Dortmund, Celtic, Chelsea, Olympique Marsiglia, Steaua Bucarest, Aston Villa, Feyenoord, PSV e Stella Rossa possono vantare un titolo a testa. A livello di Nazioni, la Spagna guarda tutte dall’alto in basso grazie ai suoi 16 titoli, mentre Italia e Inghilterra seguono con 12 vittorie. La varietà dei Paesi presenti nel palmares della competizione si è notevolmente abbassata a partire dal 1997-98, anno in cui si è allargata la partecipazione per quanto riguarda i principali campionati: da allora, solamente il Porto ha interrotto l’egemonia dei club spagnoli, italiani, inglesi e tedeschi. Fino a vent’anni fa, l’accesso alla Coppa dei Campioni/Champions League era infatti riservato alle sole squadre campioni delle singole federazioni.

La nuova formula della Champions League

A partire dalla stagione 2018/19, invece, i quattro principali campionati europei potranno “piazzare” le rispettive prime quattro classificate direttamente alla fase a gironi. Per quanto riguarda i record individuali, lo spagnolo Francisco Gento è l’unico calciatore ad aver trionfato in sei edizioni. Con tre vittorie a testa, l’inglese Bob Paisley (Liverpool) e l’italiano Carlo Ancelotti (Milan e Real Madrid) detengono in coppia il primato tra gli allenatori. L’olandese Clarence Seedorf è invece l’unico finora ad aver collezionato tre successi con altrettanti club (Ajax, Real Madrid e Milan). Un altro unicum a tinte rossonere riguarda poi Cesare e Paolo Maldini, la sola coppia padre-figlio ad aver vinto la Coppa dei Campioni/Champions League con la fascia di capitano al braccio. 

La formula attuale prevede tre turni preliminari di qualificazione e un turno di play-off, prima della vera e propria fase a gironi. Quindi seguono gli ottavi, i quarti, le semifinali fino alla finalissima. Non sempre è stato così: fino al 1991 si ricorreva all’esclusivo sistema di eliminazione diretta, poi si sono sperimentate varie soluzioni quali la fase a gironi prima della finale o una doppia fase a gironi prima dei quarti. Alla Champions League partecipa anche la vincitrice dell’Europa League della stagione precedente, mentre il percorso inverso riguarda le squadre eliminate nei turni preliminari, nei play-off e le terze classificate nei rispettivi gironi. La vittoria dell’ex Coppa dei Campioni dà poi il diritto a disputare la finale di Supercoppa Europea (contro la vincente dell’Europa League) e a partecipare al Mondiale per Club. 

Due curiosità. La prima riguarda i cinque club che possono vantare l’onore di conservare nella propria bacheca il trofeo originale della Champions League: si tratta di Real Madrid, Ajax, Bayern Monaco, Milan e Liverpool, per aver conquistato almeno cinque edizioni in totale o averne vinte tre consecutive. Dal 2009 invece la coppa originale rimane in ogni caso alla UEFA: il club vincitore la riceve dopo la cerimonia di premiazione e la riconsegna due mesi prima della finale successiva, mantenendo così solamente una replica ufficiale. La seconda curiosità è che i cinque club già citati e il Barcellona (giunto a cinque edizioni vinte nel 2015) possono apporre sulle proprie maglie il multiple-winner badge, uno stemma blu e argento che fa bella mostra di sé sulla manica sinistra delle divise di gara. Sull’altra manica, a partire dal 2004/05, campeggia invece il logo del campione in carica di turno.

FoxSports timeline

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.