Carlos Bacca

Il colombiano del Villarreal con il gol nel sangue. Ha vinto due Europa League consecutive con la maglia del Siviglia

Carlos Arturo Bacca Ahumada nasce nell’estremo nord della Colombia, in un paesino di nemmeno 30mila abitanti di nome Puerto Colombia. L’approccio al calcio giocato, oltre che per le vie della piccola cittadina, arriva nel settore giovanile del Junior, squadra con sede a Barranquilla. A vent’anni il club lo manda in prestito nella squadra che porta il nome della città per due stagioni, in mezzo l’esperienza con il Minerven. Dopo essersi fatto le ossa nella serie cadetta, nel 2009 l’allenatore del Junior decide di concedergli una chance nella massima serie colombiana.

Vive tre campionati da protagonista: 97 partite giocate, 50 reti segnate. Vince per due volte il titolo di capocannoniere, trascinando la squadra al titolo per due anni consecutivi. Ma per lui è il momento di fare sul serio: l’Europa chiama e Carlos Bacca si trasferisce in Belgio. Il Club Bruges versa 1,5 milioni di euro nelle casse del Junior per aggiudicarsi l’attaccante, che trova subito un buon feeling con il campionato, segnando 3 gol in 10 apparizioni. La stagione della consacrazione è la seguente: a 27 anni il colombiano si mette in mostra, attirando su di sé le attenzioni di mezza Europa.

I 25 gol segnati con i nerazzurri convincono il Siviglia a sborsare 7,5 milioni di euro. In due anni alla corte di Unai Emery - che ne plasma carattere e modo di giocare - realizza 49 gol in 108 partite tra tutte le competizioni, 14 solo in Europa League, vincendo la competizione europea sia nel 2014 che nel 2015. 

Il Milan lo prende per 30 milioni di euro

Il decimo posto in campionato raggiunto dal Milan nel 2015 (peggior risultato dalla stagione 1997/1998) spinge il club di Berlusconi a un investimento di 30 milioni per convincere il Siviglia a privarsi del suo centravanti.Pur non riuscendo a risollevare le sorti dei rossoneri, alla sua prima stagione a Milano Bacca segna 18 gol, risultando tra i migliori della sua squadra. Eppure nell’estate del 2016 non sono mancati i rumors di mercato che lo volevano lontano dal capoluogo meneghino. Dalla stagione 2016/2017 sulla panchina del Milan arriva Vincenzo Montella. Nonostante le voci di mercato continuino anche a gennaio, Carlos Bacca non fa mancare i suo gol, continuando a segnare con regolarità. Nell'estate del 2017 viene ceduto al Villarreal in prestito oneroso a 2.5 milioni di euro con diritto di riscatto fissato a 15,5 milioni.

Il palmares di Carlos Bacca

Dopo aver vinto due campionati colombiani con lo Junior, Carlos Bacca vince la classifica cannonieri del campionato belga con la maglia del Bruges. Poi il passaggio al Siviglia e i trionfi in Europa League in due edizioni consecutive: 2013/2014 e 2014/2015. Con il Milan ha vinto la Supercoppa italiana nel 2016, dopo aver battuto ai rigori la Juventus.

Curiosità

Con la sua Nazionale Bacca ha uno score più che invidiabile: nelle 37 apparizioni con la maglia della Colombia, infatti, il classe ’86 ha realizzato 13 gol, entrando a far parte della top 10 dei marcatori della storia dei Cafeteros. Pur essendo un finalizzatore puro, Carlos non disdegna qualche giocata ad effetto. A contribuire alla sua fama anche la celebre rabona, un colpo che ogni tanto prova a tu per tu con il portiere. La più bella rimane quella contro il Carpi dopo aver saltato l’estremo difensore. Altre curiosità? Da bambino il suo soprannome era El Peluca (Il Parrucca), vista la sua folta capigliatura. Da adolescente, ai tempi delle giovanili nel Junior, per aiutare suo padre Gilberto, lavorava come controllore sui bus di Barranquilla.

 

Carta d'identità
Nome Carlos
Cognome Bacca
Data di nascita 08/09/1986
Nato a Puerto Colombia
Stato Colombia
Peso 77
Altezza 181
In campo
Numero di maglia 9
Ruolo Striker
Fascia Centre
Piede preferito -
Nazionale Colombia

News

Tutte le news

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.