MotoGP, Marquez: "Lorenzo aveva solo paura della Honda"

Marc Marquez non ha usato mezzi termini nel parlare del suo vecchio compagno di team Jorge Lorenzo. Decisamente dure le dichiarazioni rilasciate dallo spagnolo.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Marc Marquez e Jorge Lorenzo un anno fa circa rappresentavano, a detta di molti, la migliore coppia di piloti presenti in MotoGP. Purtroppo per loro però la pista gli ha dato torto. In particolare il rider di Palma di Maiorca si è ritrovato intruppato in svariati problemi di adattamento alla moto e come se non bastasse ha subito anche tantissimi infortuni durante l'arco dell'intero 2019.

Alla fine i tanti guai fisici hanno spinto Lorenzo ad annunciare, un po' a sorpresa, il suo prematuro ritiro dalle competizioni al crepuscolo della passata stagione, durante una lunga conferenza stampa nell'ultimo weekend dell'anno a Valencia.

Altrettanto a sorpresa però lo spagnolo ha deciso di ritornare in sella pochi mesi fa per diventare tester della sua vecchia squadra: la Yamaha. Jorge Lorenzo inoltre ha anche annunciato di voler correre alcune gare come wild card. Quest'ultimo desiderio però, causa coronavirus, è complicato al momento da inquadrare con una data certa.

Marc Marquez mentre festeggia sotto il podio
Marc Marquez non ha usato parole leggere nei confronti del suo ex compagno di team

Marc Marquez sulla questione quarantena: "Bisogna essere responsabili"

Durante una recente intervista rilasciata ai colleghi di DAZN, il suo ex compagno di team Marc Marquez ha dato il suo personale punto di vista sull'intera vicenda.

Ho saputo del suo accordo con la Yamaha per caso, una mattina a colazione. Ha pagato molto l'adattamento alla Honda, lui ha detto che si è ritirato perché aveva paura dopo gli incidenti, ma forse aveva solo timore della nostra moto. Se ora ha accettato di essere wild card vuol dire che non ha paura per questo sport.

L'otto volte campione del mondo ha poi spiegato anche come sta vivendo questo difficile momento in cui il coronavirus ha costretto il mondo a restare in casa.

Per me è complicato, ogni tanto mi faccio prestare i cani da mio fratello per farmi un giro, però bisogna essere responsabili. Sto sfruttando questa occasione per sistemare la mia stanza. I veri eroi in questa storia sono i medici. In futuro li apprezzeremo molto di più.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.