Serie B, Moratti vuole la Cremonese: in vista derby con Berlusconi?

L'ex presidente dell'Inter sta pensando di rientrare nel mondo del calcio e ha puntato il club grigiorosso: nella prossima stagione in cadetteria potrebbe ripetersi la sfida andata in scena negli anni scorsi a Milano.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Due dei presidenti più vincenti nella storia del calcio italiano potrebbero trovarsi nuovamente uno di fronte all'altro nella prossima stagione di Serie B, pronti a rinnovare una sfida che a lungo ha riguardato il calcio milanese, italiano ed europeo. Parliamo di Silvio Berlusconi, dal settembre 2018 presidente di un Monza che punta con decisione alla cadetteria, e di Massimo Moratti, che secondo il Corriere dello Sport in edicola oggi sarebbe pronto a scendere nuovamente in campo acquistando la Cremonese.

Da Inter-Milan, dunque, a Cremonese-Monza, ancora un derby - stavolta lombardo - tra due squadre con una lunga storia alle spalle e che finalmente sembrano poter tornare a sognare in grande: fallita la promozione in Serie B al primo anno (fuori ai quarti di finale dei playoff contro l'Imolese) Berlusconi ha raddoppiato gli sforzi per costruire un Monza ancor più competitivo. Una strategia che ha pagato, dato che prima dello stop ai campionati a causa del coronavirus i brianzoli erano primi in classifica nel girone A della Serie C, con ben 16 punti di vantaggio sulla Carrarese seconda.

Anche la Cremonese aveva fondate ambizioni di promozione: dopo il ritorno in cadetteria nel 2017, arrivata grazie agli ingenti investimenti dell'imprenditore siderurgico Giovanni Arvedi, il progetto dei grigiorossi prevedeva la riconquista di una Serie A frequentata per l'ultima volta nel 1996 e che avrebbe dovuto essere la naturale conseguenza di una crescita lenta ma costante dopo due stagioni di assestamento. Gli sforzi della società non però stati premiati, tanto che al momento della sospensione voluta dalla FIGC le Tigri occupavano il 17esimo posto in classifica, a ridosso della zona retrocessione.

Massimo Moratti e Silvio Berlusconi
Massimo Moratti e Silvio Berlusconi si sono sfidati a lungo in Serie A rispettivamente alla guida di Inter e Milan.

Serie B, Moratti vuole la Cremonese ed è pronto a sfidare il Monza di Berlusconi

Turci, Garzya, Gualco e Dall'Igna. E poi ancora Maspero, Florjancic, Tentoni e Giandebiaggi. Sono solo alcuni dei nomi storici dell'ultima Cremonese in Serie A, guidata da Gigi Simoni e nonostante la netta retrocessione rimasta nel cuore dei tifosi grigiorossi, che per anni hanno sognato un riscatto che fino a oggi non è ancora arrivato. Era la stagione 1995/1996, l'ultima delle Tigri in massima serie e la prima di Massimo Moratti alla guida dell'Inter.

Sulle orme di papà Angelo, quello che sarebbe diventato il presidente più longevo e vincente nella storia del club nerazzurro avrebbe costruito una squadra incredibile, quella capace di entrare nella storia nel 2010 con José Mourinho e la vittoria del Triplete e di conquistare complessivamente 16 trofei in 18 anni di gestione: 5 Scudetti, 4 Coppe Italia, 4 Supercoppe Italiane, una Coppa Uefa, un Mondiale per il Club e una Champions League. Nel corso della sua presidenza Moratti ha portato numerosi campioni all'Inter, dividendosi la Milano calcistica con un altro grande imprenditore capace di cambiare la storia del calcio italiano.

Parliamo naturalmente di Silvio Berlusconi, presidente del Milan dal 1986 al 2017 e artefice insieme ad Arrigo Sacchi dell'epoca d'oro di un Diavolo capace di vincere 8 volte la Serie A, 5 la Champions League o Coppa dei Campioni e una miriade di altri trofei, 29 in 31 anni, che hanno fatto entrare la squadra e i suoi protagonisti nella leggenda del calco italiano e mondiale.

Adesso la sfida sembra pronta a ripetersi: il patron Arvedi pensa di cedere la Cremonese, dopo anni in cui le spese sono state ovviamente superiori ai guadagni, e Moratti medita di rientrare in un ambiente che evidentemente gli manca. Parlare di trattativa forse è presto, e molto dipenderà ovviamente da come si concluderà il campionato dei grigiorossi, ma la sensazione è che quella di parla il Corriere dello Sport sia molto più di una voce. Anche se in Serie B, anche se con due squadre diverse da quelle che li hanno resi grandi, Moratti e Berlusconi sembrano pronti a sfidarsi ancora.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.