La Juventus sfoglia la margherita, poker d'assi per la maglia numero 9

I bianconeri cercano una punta da affiancare a Cristiano Ronaldo e sondano Gabriel Jesus, Haaaland, Icardi e Kane: la scelta ricadrà su uno di questi profili, anche se si tratta di piste tutt'altro che semplici.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Approfittando della pausa forzata dovuta al coronavirus, in attesa di scoprire quando e come sarà conclusa una Serie A che al momento la vedeva lanciata verso il nono Scudetto consecutivo, Fabio Paratici disegna la Juventus che verrà ragionando su quali sono le priorità e quali dovranno essere le prossime mosse sul calciomercato in entrata e soprattutto in uscita, a maggior ragione in vista delle possibili ricadute economiche legate all'emergenza e in attesa delle mosse del Governo e della UEFA su bilanci e fair play finanziario.

La Vecchia Signora intende rinforzarsi in ogni reparto: in difesa e a centrocampo, dove gli obiettivi principali sono Emerson Palmieri e Paul Pogba, e in attacco, dove il ds Paratici sfoglia la margherita valutando i profili di quattro campioni diversi tra loro per caratteristiche e costi ma tutti considerati all'altezza delle ambizioni juventine. A riportare la notizia è Tuttosport in edicola oggi, che indica in Mauro Icardi il nome in cima alla lista del club per il ruolo di centravanti del futuro.

L'argentino piace da tempo, da almeno un anno, da quando cioè Paratici tentò in tutti i modi di prenderlo a prezzo di realizzo dall'Inter. L'occasione si potrebbe ripresentare quest'estate, con il PSG pronto a riscattare Maurito dai nerazzurri per 70 milioni di euro per poi rivenderlo ai bianconeri. Una trattativa in cui rientrerebbe anche Miralem Pjanic, chiamato a trasferirsi a Parigi, e che presenterebbe costi tutto sommato contenuti. Ma bisogna considerare comunque un fattore importante: chi arriverà alla Juventus dovrà avere le caratteristiche giuste per dialogare al meglio con Cristiano Ronaldo, e il dubbio che l'ex bomber nerazzurro possa faticare in questo senso è fondato.

Erling Haaland
Erling Braut Haaland, il baby fenomeno di cui tutto il mondo parla, potrebbe lasciare il Borussia Dortmund nel 2022 per appena 75 milioni di euro.

Juventus, caccia al bomber: in lizza Icardi, Gabriel Jesus, Haaland e Kane

La possibile incompatibilità con CR7 è uno dei motivi per cui la Juventus la scorsa estate non ha affondato il colpo su Mauro Icardi. L'altro è legato alla necessità di liberarsi di Gonzalo Higuain, che pur non avendo sfigurato in questa stagione sembra ormai in fase calante: il Pipita ha un contratto valido fino al 2021 e non molto mercato, sarà difficile trovargli una sistemazione adeguata. Dovesse restare, Paratici potrebbe trovarsi costretto a lavorare in prospettiva, magari per il 2021 quando potrebbe essere il momento giusto per puntare su Erling Haaland.

Il baby bomber norvegese, 40 gol in 33 gare con Salisburgo e Borussia Dortmund, nonostante abbia appena 19 anni ha già conquistato tutti: ha corsa e potenza, davanti al portiere difficilmente sbaglia e sembra destinato a dominare il calcio europeo e mondiale nei prossimi anni. In più, secondo una clausola stipulata con il club tedesco in cui si è trasferito a fine dicembre, nell'estate del 2022 potrebbe liberarsi per appena 75 milioni di euro, circostanza che lo rende appetibile già da adesso.

Proprio così, perché piuttosto che perderlo sicuramente per una cifra inferiore al suo valore il Borussia Dortmund potrebbe accettare di privarsene, subito o nel 2021, per circa 100 milioni: c'è da battere la concorrenza del Real Madrid e degli altri top club che sicuramente busseranno alla porta del suo agente Mino Raiola, con cui comunque la Juventus vanta rapporti privilegiati che potrebbero risultare determinanti nel disegnare il futuro del campioncino norvegese.

Gabriel Jesus

Al costo di Mauro Icardi ecco un'altra opzione, la terza nella lista di Paratici: parliamo di Gabriel Jesus del Manchester City, 23 anni e un talento sconfinato che gli permette di segnare e far segnare grazie al bagaglio tecnico avuto in dono da madre natura e da quello tattico appreso alla corte di Guardiola al Manchester City. Costa circa 80 milioni di euro, offre ampie garanzie e inoltre non si tratta di un nome ingombrante che possa mettere in qualche modo in ombra Cristiano Ronaldo. Anzi, le sue caratteristiche tecniche potrebbero sposarsi alla perfezione con quelle del portoghese.

L'ultimo nome in lista, il più pesante, è quello di Harry Kane: l'inglese è il classico centravanti d'area, e secondo Tuttosport potrebbe non integrarsi al meglio con CR7, ma forse al momento è il migliore al mondo nel suo ruolo, letteralmente inarrestabile nelle giornate di grazia e capace di dominare fisicamente qualsiasi difensore. Il problema, oltre a una certa tendenza agli infortuni, è rappresentato dal prezzo: costa il doppio degli altri nomi in lizza, dato che il Tottenham potrebbe accettare di privarsene soltanto di fronte a un'offerta monstre di 150 milioni. Paratici ragiona sul futuro e sfoglia la margherita: in estate sarà il momento di decidere.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.