Juventus, per liberare Icardi ecco l'idea di Leonardo: Pjanic al PSG

In estate si profila un intrigante intreccio di mercato: il club francese potrebbe riscattare Maurito per poi cederlo ai bianconeri in cambio del bosniaco, un'operazione che accontenterebbe anche l'Inter.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Con la stagione in sospeso a causa dell'emergenza coronavirus e in attesa di scoprire come e se sarà possibile arrivare a una conclusione, la Juventus pensa al futuro e valuta i margini di manovra per arrivare a Mauro Icardi. L'argentino, di proprietà dell'Inter ma al momento in prestito al PSG - che può riscattarlo versando nelle casse di Zhang 70 milioni di euro - rimane l'obiettivo numero uno per il ruolo di centravanti nella lista stilata da Fabio Paratici.

I bianconeri cercano un bomber da almeno venti gol a stagione e ritengono di averlo individuato in Maurito, che offre più garanzie di un Higuain ormai in fase calante e sembra un obiettivo più facilmente percorribile rispetto agli altri nomi presi in esame nelle ultime settimane: il motivo è semplice, Icardi non può tornare in nerazzurro e difficilmente resterà sotto la Torre Eiffel, l'Inter oggi più che mai avverte la necessità di incassare una cifra importante dalla sua cessione e gli altri obiettivi della Vecchia Signora, da Kane a Haaland, potrebbero avere costi proibitivi.

Icardi sembra la soluzione ideale: tra i migliori finalizzatori in circolazione, a 27 anni appena compiuti l'argentino può rappresentare il presente ed il futuro. Non del PSG, dove non è riuscito a imporsi complice anche un rapporto complicato con Tuchel e la grande concorrenza in attacco, e neanche in un'Inter dove Conte non ha mai previsto per lui uno spazio. La pista che porta alla Juventus è quindi più che concreta, anche se secondo Tuttosport in edicola oggi per arrivare a Maurito i bianconeri potrebbero dover sacrificare un top player come Miralem Pjanic.

Miralem Pjanic
Miralem Pjanic in bilico: il PSG lo vuole in cambio di Icardi, la Juventus ci pensa.

Juventus-PSG, si studia l'incastro per lo scambio Icardi-Pjanic

Il bosniaco sarebbe dunque il lasciapassare per completare un incastro di mercato complesso e che sulla carta potrebbe rendere felici tutte le parti coinvolte: l'idea è venuta al ds dei parigini Leonardo, che potrebbe portare così al PSG un regista di classe mondiale procurando alla Juventus - tramite riscatto e immediata cessione - il bomber che cerca. Nell'affare l'Inter, che non dovrebbe nemmeno "sporcarsi le mani", si ritroverebbe in cassa non solo i 70 milioni pattuiti con i campioni di Francia per l'eventuale riscatto, ma un ulteriore bonus di 15.

Tutto merito di una clausola inserita a suo tempo nella cessione in prestito di Icardi al PSG, che prevedeva l'aumento da 70 a 85 milioni di euro della cifra incassata in caso di riscatto da parte dei francesi e immediata cessione a un club italiano: del resto il futuro dell'Inter non prevede la presenza di Icardi, e se l'argentino dovesse tornare alla base rischierebbe di ripresentarsi la stessa situazione che un anno fa ha tenuto in sospeso il calciomercato nerazzurro per tutta l'estate.

Tutto in discesa dunque? Più o meno. Perché bisogna verificare la voglia di Pjanic di andare al PSG e quella dello stesso club francese di liberarsi dell'argentino, soprattutto nel caso dovessero cambiare le strategie in vista della prossima stagione: la permanenza di Tuchel è tutt'altro che scontata, nonostante gli ottimi risultati ottenuti fino a oggi, l'addio di Cavani è ormai certo e quello di Neymar sempre più probabile. Anche Mbappé è in bilico, cercato da mezza Europa e desideroso di una squadra all'altezza delle sue aspettative e qualità.

L'incastro, insomma, è tutto da verificare. Secondo Tuttosport, per il momento i club stanno discutendo la questione e verificando i margini di trattativa anche con gli agenti dei diretti interessati, Wanda Nara per Icardi e Ramadani per Pjanic. I bianconeri potrebbero poi decidere di passare all'azione una volta veriificata la volontà dei giocatori e individuato un sostituto per il bosniaco, che nel suo ruolo rimane difficilmente sostituibile. A Torino c'è voglia di dare fiducia a Bentancur, ma per una squadra che vuole dominare l'Europa l'uruguaiano in cabina di regia potrebbe non fornire le adeguate garanzie. Se ne riparlerà in estate, ma al momento, pure se in una fase di stallo, la trattativa esiste.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.