Gomez: "Ora fatico a pensare al calcio, Bergamo non si arrenderà"

Il Papu parla nel momento dell'emergenza: "In questi anni abbiamo reso felice la città, ora viviamo qualcosa di terribile".

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Bergamo sta vivendo giornate più che drammatiche, in quanto provincia letteralmente paralizzata dal Coronavirus. E questo arriva poche settimane dopo la grande euforia che si respirava in città dopo le ultime imprese dell'Atalanta del Papu Gomez.

La squadra nerazzurra ha conquistato uno storico accesso ai quarti di finale di Champions League ma al momento si trova in isolamento precauzionale per via dei casi di positività al Covid-19 nella rosa del Valencia, affrontato nel doppio confronto degli ottavi fra febbraio e marzo.

Adesso l'Atalanta e soprattutto Bergamo hanno bisogno di tempo per rialzarsi, col desiderio di poter tornare il prima possibile a esultare insieme come spiegato alla perfezione proprio da Gomez in un'intervista rilasciata ai microfoni di Sky Sport.

Papu Gomez
Gomez parla della difficile situazione di Bergamo

Gomez: "Non riesco a pensare al calcio ora, Bergamo e i bergamaschi non si arrendono"

Intervistato da Massimo Nebuloni, il capitano dell'Atalanta ha raccontato come in città si stia vivendo questo terribile momento partito circa un mese fa con l'esplosione dei contagi in Lombardia.

Ovviamente il mio stato d'animo non è al massimo, si cerca di restare ottimisti ma la situazione nel paese e in Lombardia è difficile. Da anni abbiamo reso felice una città intera che ora sta vivendo qualcosa di terribile. Il calcio? Ora come ora fatico a pensarci, mi alleno un'ora e mezza al giorno per tenermi in forma ma sentendo le notizie non riesco a interessarmi al calcio. Non so quando e se potremo giocare di nuovo.

In ultimo il Papu ha raccontato come sono le sue giornate tipo in questi momenti di isolamento, aggiungendo anche un saluto lanciato a tutti quanti i cittadini di Bergamo nella speranza di veder presto terminare la crisi.

La giornata inizia verso le 9 perché mio figlio fa scuola online, noi facciamo colazione e cominciamo la giornata: se c'è sole posso stare sul terrazzo prima di allenarmi: l'importante è non metterci a litigare. Ai bergamaschi voglio dire che dobbiamo avere un atteggiamento positivo e salutare i medici che lottano: le persone a Bergamo sono toste e non si arrendono, questo periodo passerà. Gli mando un abbraccio.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.