Studio CIES sui post millennials: domina il BVB con Sancho e Haaland

Il Borussia Dortmund ha per le mani una miniera d'oro, rappresentata dai due talenti offensivi che valgono più di 300 milioni. Male la Serie A, con soli 6 calciatori.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

L’Osservatorio Internazionale del Calcio ha realizzato uno studio sul valore dei giocatori più giovani che si stanno mettendo in mostra nelle cinque leghe più importanti d’Europa. Il CIES ha poi stilato una classifica sui risultati prodotti dall’algoritmo, che ha preso in considerazione solo i giocatori nati dall’anno 2000 in poi. Tra i parametri decisivi, oltre all’età del calciatore stesso, ci sono anche la scadenza di contratto, il coefficiente di difficoltà del campionato in cui gioca e, ovviamente, anche la partecipazione attiva all’interno della propria squadra di appartenenza.

Nella lista dei 50 post millennials più preziosi del 2020 non ci sono portieri e il torneo più rappresentato è la Premier League, con 13 talenti. A seguire troviamo Liga e Ligue 1 con 12, Bundesliga 7 e Serie A 6, per un totale stimato di 1504,2 milioni di euro come valore complessivo. Una cifra davvero incredibile, che ci restituisce fedelmente il momento in cui stiamo vivendo, con club importanti che – oltre al risultato sportivo – perseguono l’obiettivo parallelo di produrre tonnellate di talento.

A primeggiare in questa speciale classifica è il Borussia Dortmund, che piazza un paio di suoi giocatori nelle prime due posizioni della graduatoria. Al primo posto troviamo Jadon Sancho, classe 2000 del BVB nonché una delle stella che, molto probabilmente, infiammerà la prossima sessione di mercato. L’esterno inglese, originario di Londra e soffiato al Manchester City per 8 milioni di euro, viene valutato addirittura 198,5 milioni di euro, una cifra che – nel caso dovesse mai concretizzarsi – rappresenterebbe il trasferimento record, almeno fino a oggi, per i nati dal 2000 in poi.

CIES BVB Sancho Haaland
Erling Braut Haaland, classe 2000 arrivato a gennaio al Borussia Dortmund: in stagione, compresa la parentesi al Salisburgo, ha segnato 40 gol in 33 partite

CIES, il BVB domina tra i post millennials: Sancho e Haaland i più preziosi del mondo

Al secondo posto della graduatoria stilata dal CIES troviamo Erling Haaland, bomber norvegese di gialloneri, arrivato a gennaio dal Salisburgo per un totale, tra costo fisso, bonus e commissioni, di oltre 60 milioni di euro. L’investimento della società tedesca ha dato i frutti fin da subito, visto che prima della pausa l’ariete figlio d’arte – il padre ha giocato anche in Premier League – aveva già segnato 9 gol solo in Bundesliga. Il suo agente è Mino Raiola, che gli ha fatto firmare un contratto con il Borussia Dortmund fino al 2024, ma se le attese dovessero venir rispettate, già tra un paio d’anni potremmo vederlo altrove. Il suo valore secondo l’osservatorio? 101 milioni di euro.

A completare il podio, infine, c’è Rodrygo, che in pochi mesi ha quasi raddoppiato il proprio valore: il Real Madrid lo aveva pagato circa 45 milioni al Santos, oggi ne vale 88,9. Mica male. Inoltre, questa sua ascesa – arrivata sfruttando pochissime occasioni – gli ha comunque permesso di superare Vinicius Junior, suo amico e compagno di squadra. Oggi l’ex Flamengo vale 73,9 milioni di euro, quarto nella classifica stilata dal CIES. Subito dietro ai due brasiliani c’è spazio per Callum Hudson-Odoi, stellina del Chelsea (72,3 milioni di euro la sua valutazione), con la top ten completata da Ferran Torres (Valencia, 55,2), Eduardo Camavinga (Rennes, 53), Mason Greenwood (Manchester United, 50,6), Phil Foden (Manchester City 50,4) e Moise Kean (Everton, 46).

E la Serie A? Per trovare il primo rappresentante del campionato italiano bisogna scorrere fino alla quindicesima posizione, dove si è stanziato il fiammante juventino Dejan Kulusevski, valutato 39,6 milioni di euro. Al 17esimo posto c’è Sandro Tonali (36,9), al 18esimo Hamed Traoré (27,6). Poi Dusan Vlahovic (11 milioni di valutazione per l’attaccante della Fiorentina), Sebastian Walukiewicz (36esimo, 10,3 milioni di euro) e Marash Kumbulla, talento veronese classe 2000, valutato poco più di un quinto di quanto oggi l’Hellas chiede all’Inter per la sua cessione. Non molto, ma anche da noi stiamo cominciando a lavorare al meglio in tal senso.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.