Calciomercato, Serie A nel futuro di Gotze: il tedesco si svincola a giugno

Il centrocampista a giugno avrà 28 anni e guarda all'Italia: finito indietro nelle gerarchie del Borussia Dortmund, sarà disponibile a parametro zero e intende offrirsi a Juventus e Inter, che però per adesso non si muovono.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

A cavallo tra l'estate del 2013 e quella indimenticabile del 2014, il poco più che ventenne Mario Gotze sembrava destinato ad avere il mondo ai propri piedi: prima il trasferimento dal Borussia Dortmund al Bayern Monaco, che per averlo aveva sborsato 37 milioni di euro rendendolo il secondo tedesco più costoso nella storia del calciomercato, quindi il gol decisivo nella finale dei Mondiali di Brasile 2014 che era valso il quarto alloro iridato alla Germania.

Un guizzo che aveva confermato la sensazione di tantissimi tra tifosi e addetti ai lavori: la Nazionale tedesca, che negli stessi giorni si preparava all'addio dello storico bomber Miroslav Klose, avrebbe potuto dormire sonni tranquilli grazie a una generazione d'oro di cui Gotze era considerato uno degli esponenti più dotati. Sei anni più tardi sappiamo tutti benissimo com'è andata la storia: la Germania si è eclissata ai Mondiali di Russia del 2018, mentre il talento che un tempo faceva impazzire tutti è quasi finito nel dimenticatoio a causa di una serie di problemi fisici, incapace di rilanciarsi nonostante un ritorno al Borussia Dortmund che aveva fatto ben sperare.

Finito mestamente in panchina, puntualmente scavalcato nel corso della stagione in corso da giovani talenti rampanti come Haaland, Reyna, Sancho e Hazard, Mario Gotze ha messo insieme la miseria di 19 presenze complessive in tutte le competizioni, scendendo in campo per meno di 600 minuti di gioco e andando a segno in sole 3 occasioni. Il chiaro segnale di una situazione di rottura con il club che lo aveva riaccolto e che deluso dal suo rendimento non è mai sembrato intenzionato a intavolare una trattativa per il rinnovo di un contratto che scade a giugno e che permetterà all'ex bambino d'oro del calcio tedesco di cercare una nuova occasione. Magari in Italia.

Mario Gotze

Calciomercato, Gotze si offre in Italia

È notizia di questi giorni, infatti, che padrone del suo cartellino e del suo destino Mario Gotze stia guardando alla Serie A come a una possibile tappa dove rilanciarsi e tornare a esprimere al meglio il suo calcio. A dirlo è la Bild, riprendendo voci che del resto erano circolate anche alcuni mesi fa e che avevano coinvolto anche l'Inter, che sembrava aver preso informazioni a proposito di un eventuale accordo in vista della stagione 2020/2021.

Diversi quotidiani sportivi italiani avevano inoltre aggiunto il nome della Juventus alle pretendenti, un po' per la voglia da parte dei bianconeri di mettere il bastone tra le ruote dei rivali nerazzurri e un po' perché il ds Paratici si è dimostrato particolarmente abile ad operare sul mercato dei parametri zero negli ultimi anni, anche se le ultime esperienze legate a Emre Can, Ramsey e Rabiot non si sono rivelate particolarmente fortunate. 

La sensazione però è che al momento queste voci non rappresentino niente di concreto, dato che allo stato attuale delle cose il Gotze di oggi - pur sempre in possesso di un talento notevole - non sembra capace di fare la differenza in Serie A né di trovare un posto in squadre tanto competitive. Difficile anche immaginare per lui altre destinazioni in Italia, dato che lo stipendio importante lo rende un obiettivo di calciomercato impossibile per Milan, Roma o Lazio: l'impressione è che il giocatore non offra abbastanza garanzie dal punto di vista tecnico e soprattutto atletico per giustificare un investimento importante, considerando anche che dopo un anno di panchina a Dortmund certo non si muoverebbe senza avere un posto da titolare garantito.

Questo non significa comunque che le cose da qui alla riapertura del mercato non possano cambiare: credere in Gotze, talento in parte bruciato ma che a 28 anni ha tutto il tempo di rimettersi in carreggiata e recuperare il tempo perduto, non è un'eresia e anzi potrebbe rivelarsi una mossa azzeccata. Soprattutto l'Inter non sembra avere ancora scartato l'idea, con Alexis Sanchez ancora in bilico: per scoprire cosa succederà non resta che aspettare.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.