Veron: "La Lazio la squadra più forte con cui ho giocato"

Le parole dell'ex centrocampista rilasciata a Casa Sky Sport.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

L'ex centrocampista Juan Sebastian Veron, attuale presidente dell'Estudiantes, è intervenuto a Casa Sky Sport e ha dichiarato:

Ormai è una settimana che il calcio è fermo e la situazione sta diventando un po' pesante anche qui nel nostro Paese. Il governo ha fissato delle restrizioni, dobbiamo stare a casa. Quanto al club, mi sento con i ragazzi, cercando di capire come stiano. Come società abbiamo messo a disposizione le infrastrutture che abbiamo nel caso in cui la situazione diventi più difficile

Sulla "sua" Lazio: 

La Lazio è stata la squadra più forte in cui abbia giocato. Una squadra che non vinceva lo scudetto da 26 anni, fu una sensazione unica così come con tutti i titoli che ho vinto in Italia

Sulla sua esperienza in Italia:

Ho avuto la fortuna di arrivare nel calcio italiano che mi ha fatto maturare, a volte ne parlo anche con Joaquin Correa. Per lui varrà la stessa cosa, perché il calcio italiano è diverso dagli altri, è tattico, ti fa pensare alla giocata sempre un secondo prima. È quello che ho imparato io, come tanto altro fuori e dentro al campo. Ho avuto grandissimi compagni in tutte le squadre dove ho giocato

Sul Mondiale del 2010:

È stata la chiusura della mia esperienza in Nazionale. Ci si aspetta sempre che un'avventura finisca nella maniera migliore e invece... ma ormai è passato

Su Dybala e Lautaro Martinez:

Sono giocatori diversi. Dybala è un giocatore che non solo può giocare da seconda punta, ma anche come trequartista. Credo che Lautaro non possa farlo, ma dentro l’area è un giocatore che difficilmente sbaglia davanti alla porta. Possono giocare insieme, sono giovani, hanno moltissimi anni per migliorare 

Su chi gli somiglia: 

Sensi ha alcune mie caratteristiche. Quando mi sono trasferito in Italia mi lasciavano un po' fare, perché arrivando dall'Argentina la parte tattica non era il mio forte. In tal senso Eriksson è stato l’allenatore che più mi ha capito, con lui mi sono espresso al meglio, mi lasciava piena libertà. Un altro che a me piace molto è Luis Alberto, sta facendo una grande stagione e ha alcune caratteristiche in cui mi rivedo

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.