MotoGP, i sogni di Valentino Rossi: "Un figlio e il decimo Mondiale"

Valentino Rossi si racconta in diretta Instagram con Jovanotti e la complicità via iPad di Rosario Fiorello. "Un figlio? Chiamatelo Mugello. Gare? Probabile si parta a luglio".

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Valentino Rossi dalla sua Tavullia, provincia di Pesaro e Urbino. Lorenzo Cherubini, per tutti Jovanotti, da Cortona, provincia di Arezzo. Una delle videochiamate più coinvolgenti su Instagram in tempi di quarantena forzata ha riguardato un'icona dello sport e un totem della musica italiana, il tutto con l'intervento speciale di Rosario Fiorello.

Nella sua analisi sul delicato momento che tutta Italia vive, Rossi non ha nascosto il dispiacere per la cancellazione della gara della MotoGP in Qatar e ha spiegato come si tiene in forma restando in casa: allenamenti nella sua palestra personale con la fidanzata Francesca Sofia Novello, in una casa abitata anche dalla signora Stefania, madre di Valentino. "Corro sul tapis roulant - le parole del Dottore - faccio cinque minuti al chilometro ma ormai ho una certa età".

Dalle corse in palestra a quelle su pista, almeno mentalmente, il passo è breve. Ispirato da Jovanotti, che ha chiamato Otto il suo cane, nato nel giorno dell'ottavo Mondiale di Rossi e dalla richiesta di Fiorello della vittoria iridata numero 10, Valentino ha spiegato quando si potrebbe ripartire con le gare e quale sarà il suo obiettivo:

Non è affatto detto che si partirà con le gare il 3 maggio a Jerez. Bisognerà aspettare insomma, serve ancora del tempo. Ho quattro Honda M1 in garage. Sarebbe bello aggiungere la quinta e farti prendere un cane che si chiami Dieci.

MotoGP, Valentino Rossi protagonista in diretta Instagram con Jovanotti e Fiorello
MotoGP, Valentino Rossi protagonista in diretta Instagram con Jovanotti e Rosario Fiorello

MotoGP, Valentino Rossi e un figlio: "Chiamatelo Mugello"

In tempi di isolamento, c'è tempo anche per pensare a quanto non riguarda strettamente l'attività sportiva. Come la famiglia. Jovanotti e Fiorello suggeriscono a Rossi e alla sua dolce metà come trascorrere questi giorni:  "Visto che mamma Stefy lavora in Comune, e deve farlo anche in questi giorni, quando esce di casa perché non ne approfitti per fare un figlio con Francesca?". Un appello al quale Francesca risponde spiegando che il nome ("Leonardo") già ci sarebbe, ma lo showman con tono scherzoso aggiunge: 

Ce l’ho io il nome, semplice semplice: Mugello.

Sorrisi, come quelli generati da Jovanotti con il racconto di un aneddoto risalente al 2006: il cantante era alla staccata della San Donato al Mugello a osservare le moto in pista. Due ruote che viaggiavano a velocità prossime ai 350 chilometri al'ora e Valentino Rossi che sfrecciando stacca la mano dalla frizione.

Sai che mi disse a fine gara? Hai visto che durante le prove ti ho salutato?

"Io e l'enduro con Sic, che ricordi"

Le risate si trasformano invece in commozione quando Jovanotti ricorda a Valentino Rossi un simpatico episodio che lo vide protagonista diversi anni fa con lo sfortunato Marco Simoncelli, scomparso nel 2011. Un enduro sulla neve tra i boschi di Tavullia, con il cantante protagonista insieme ai due piloti.

Vale e Sic arrivarono con un furgoncino bianco, scaricarono le moto e cominciarono a guidare come se fosse asfalto. Eppure eravamo sulla neve. Arrivammo a una distesa di ghiaccio dove io non ci sarei stato manco in piedi, ma loro presero le moto e cominciarono a fare i pazzi.

Un ricordo emozionante, per Valentino e per tutti gli appassionati di motori. Ad ascoltarlo erano in tanti: più di 20mila persone sono infatti rimaste collegate per tutta la durata dell’intervista.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.