Materazzi e i Mondiali del 2006: "Abbiamo bullizzato la Germania, sembravano pulcini"

Le parole dell'ex difensore dell'Inter nell'intervista rilasciata sul profilo Instagram de La Gazzetta dello Sport.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Marco Materazzi ha rilasciato un'intervista sul profilo Instagram de La Gazzetta dello Sport in cui ha affrontato diversi argomenti, a cominciare dall'emergenza Coronavirus:

Bisogna prendere le giuste precauzioni, Perugia è spettrale come tutta l’Italia. All'inizio in molti hanno preso questa emergenza sottogamba, adesso invece giustamente la gente ha paura. Non ci sono colori e fede, c’è solo la bandiera italiana. Sento spesso il Papu Gomez, a Bergamo stanno vivendo un momento difficilissimo. Dobbiamo darci una regolata altrimenti sarà difficile venirne fuori

Sulle partite del Mondiale del 2006:

Le ho riviste tutte e devo dire che ho giocato anche bene, ho fatto meglio in semifinale che in finale. A volte uscivo un po' troppo fuori, ma potevo anche andarmi a prendere un caffè, dietro a me c'erano Cannavaro e Buffon. Venivamo tutti da un momento difficile, ma abbiamo dimostrato che lo sport può unire una nazione. Con i tedeschi siamo stati un po' cattivi, li abbiamo bullizzati. Sembravano pulcini che giocavano contro la Nazionale italiana e a casa loro. È stata una grandissima soddisfazione, la partita delle partite, penso che sia stata la vera finale

Sul giocatore più forte incrociato in carriera:

Ho giocato contro tutti i più forti e il migliore è stato Ronaldo, il brasiliano. Cristiano Ronaldo è un robot, non poteva essere diversamente, l'ho battezzato io alla prima partita. È uno che gioca e vince, ma il Fenomeno ti aspettava, ti derideva e andava a fare gol. Era forte e velocissimo, peccato solo che l'ho avuto con me dopo due infortuni, con lui al top avrei vinto di più

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.