Serie A, scontro fra i club per la ripresa degli allenamenti

Lotito e De Laurentiis spingono per ricominciare già da lunedì, i medici sportivi chiedono ancora del tempo.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

I vertici del calcio e dello sport italiano si stanno interrogando sulle date della ripartenza del campionato di Serie A ma se le più ottimistiche stime sono tutte concordi nell'indicare l'inizio di maggio come periodo indicativo, non ci sono ancora accordi per quanto riguarda la ripresa degli allenamenti.

La Lazio ad esempio ha già fissato il ritrovo a Formello per lunedì 23 marzo, esattamente come Napoli e Milan (nonostante i rossoneri abbiano già rinviato questo appuntamento di una settimana vista l'evoluzione sanitaria in Lombardia).

Con uno stop così lungo per le squadre, le formazioni di Serie A avranno bisogno di una vera e propria nuova preparazione. E proprio sulle date degli allenamenti c'è una nuova divisione fra i club della Lega italiana: c'è chi pensa sia già il caso di ricominciare e chi invece predica prudenza.

Allenamento della Lazio
La Lazio vuole riprendere ad allenarsi da lunedì 23 marzo

Serie A, scontro fra club sulla ripresa degli allenamenti

Stando a quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, il primo fronte è capeggiato da Lotito e De Laurentiis, convinti che dopo l'isolamento dei calciatori ci siano le condizioni di sicurezza adatte per ricominciare gli allenamenti.

Dall'altro lato invece c'è una fazione che appoggia la posizione della Federazione dei medici sportivi e dalla Lamica (La Libera Associazione dei Medici Italiani del Calcio) presieduta dal professor Castellacci, convinta che si debba tornare in campo almeno dopo il 3 aprile.

Questa linea è portata avanti con grande convinzione in particolare da Marotta e dopo molto nervosismo, dovrebbe diventare una linea ufficiale da seguire dopo l'assemblea dei club di Lega Serie A fissata per venerdì. Tutte le formazioni quindi dovrebbero rientrare sui campi di allenamento dal 4 aprile, anche per permettere a quelle che hanno la rosa in quarantena di essere in pari.

Se le previsioni più rosee saranno rispettate quindi, non ci saranno differenze di tempi per le preparazioni atletiche senza dimenticare che i calciatori sani stanno comunque continuando ad allenarsi in isolamento. E il campionato potrà riprendere, almeno in questo, in modo equo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.