L'immunologo Le Foche: "Atalanta-Valencia è stata la partita zero"

Il medico dell'Umberto I di Roma: "La partita di San Siro è uno degli episodi più eclatanti della diffusione del virus".

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Una delle province più toccate dalla pandemia di Coronavirus è sicuramente quella di Bergamo, travolta dai contagi e dalle morti ormai da molte settimane. Persino l'Atalanta al momento si trova in isolamento dopo la notizia della positività di alcuni giocatori del Valencia.

I nerazzurri hanno affrontato per due volte la squadra spagnola nel doppio confronto che ha permesso ai ragazzi di Gasperini di volare per la prima volta nella loro storia ai quarti di finale di Champions League.

In queste ore si sta cercando di fermare il più possibile i contagi ma oggi è arrivata una testimonianza da parte del dottor Francesco Le Foche che ha messo nel mirino proprio l'incontro fra Atalanta e Valencia dello scorso febbraio come possibile causa scatenante della drammatica situazione a Bergamo.

Gasperini in Atalanta-Valencia
Secondo l'immunologo La Foche, Atalanta-Valencia potrebbe aver causato molti contagi da Coronavirus

Atalanta-Valencia, l'immunologo La Foche: "Potrebbe essere stata un catalizzatore per la trasmissione del virus"

L'immunologo del policlinico Umberto I di Roma è stato intervistato dal Corriere dello Sport riguardo l'emergenza contagi Coronavirus e parlando della situazione di Bergamo ha citato anche l'ottavo di finale giocato a San Siro.

Bergamo è un'anomalia e il quel distretto ci sono stati tanti catalizzatori che hanno fatto esplodere la diffusione, come l'operosità della zona e forse anche la partita Atalanta-Valencia: l'apice dell'entusiasmo per un club che può aver portato a tanti contagi, tante persone vicine ed euforiche che si abbracciano. C'è stata una giustificata enfasi collettiva di una tifoseria appassionata in cui potevano esserci anche asintomatici o febbricitanti. Col senno di poi è stata una follia averla giocata a porte aperte ma c'erano ancora molte cose poco chiare: ora è impensabile farlo, difatti è stato bloccato tutto.

Un'ipotesi triste ma plausibile che potrebbe aver trasformato una serata storica per la società bergamasca in un altro piccolo tassello del dramma che l'intera città lombarda sta provando in questi tempi difficili per tutta l'Italia e il mondo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.