Emergenza Coronavirus, la testimonianza di Paolo Cannavaro

Parla il fratello di Fabio Cannavaro, collaboratore tecnico di suo fratello al Guangzhou Evergrandel

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Paolo Cannavaro è intervenuto durante la diretta Instagram sulla pagina di GianlucaDiMarzio.com. L'ex difensore del Napoli, oggi collaboratore tecnico di suo fratello al Guangzhou Evergrande, ha dichiarato:

Ho anche provato a spedire qualcosa a mia moglie, ma i tempi di consegna di questi tempi sono troppo lunghi. Mi è andata bene…. L'ultima volta l'ho vista a Dubai intorno al 20 febbraio, poi abbiamo iniziato la preparazione precampionato che si è interrotta con la quarantena. Adesso sono di nuovo qui da 5-6 giorni, sono tornato da fuori perciò per precauzione devo stare a casa 14 giorni. Anche se il tampone è risultato negativo

Cannavaro ha proseguito così:

L'affetto della mia città è sempre gradito, mi sento ancora uno di loro. Tifo Napoli e ne sono orgoglioso. Io sono sempre stato me stesso, senza mai forzare il personaggio. Della vittoria in Coppa Italia del 20 maggio 2012 ho ricordi emozionanti. Alzare un trofeo nella propria città, con la squadra che hai sempre tifato, non capita a tutti

Sulle multe ai giocatori del Napoli per non essere andati in ritiro dopo la gara col Salisburgo: 

Io in quel caso sarei andato in ritiro e avrei fatto da mediatore, ma a caldo è normale che ci sia tensione

Sulla sua esperienza al Napoli da capitano:

Un sogno, ma anche una responsabilità. Cercavo sempre di far calare i nuovi nella mentalità azzurra. Reina mi disse che nessuno aveva mai fatto tanto per lui. Mertens lo sento spesso, ma non so dirvi se abbia rinnovato. Nell’ultimo periodo non mi andava di mettere nessuno in difficoltà con delle domande. Ho parlato anche con Callejon, ma non di calcio. Insigne capitano? Il problema è la gente che si arrabbia quando le cose vanno male. Lorenzo ha stima per Napoli, è fortissimo e gli serve solo serenità”.

Su Hamsik e altri ex compagni:

Lo sento spesso, così come Dzemaili e Lavezzi. Sono stato uno dei primi a sapere che il Pocho avesse deciso di ritirarsi. Era triste, per ora pensa solo a godersi suo figlio. Ci facciamo compagnia, anche perché il cinese è davvero complicato. Pensate che il nostro interprete è laureato in lingue orientali, vive da 13 anni in Cina con la moglie cinese ma i giocatori lo prendono ancora in giro per come parla la lingua

Sulla sua avventura in Cina:

Mi sono calato in questa mentalità, è un mondo che mi piace molto. All’inizio non è stato facile stare in panchina senza poter scendere in campo. Se farò l’allenatore? Per ora mi concentro su quello che sto facendo, poi un domani vedremo. Lavorare con mio fratello è una cosa bella da certi punti di vista, ma sugli aspetti professionali ragioniamo da staff, non conta la parentela. Quando Fabio mi ha chiamato per venire, mi ha detto che sarebbe stato contento sia di avermi con lui sia di aiutarmi per un lavoro da solo in futuro. Il Guangzhou ci ha fatto contratto di 5 anni, abbiamo vinto un campionato, siamo arrivati in semifinale di Champions e c’è un progetto lungo fatto di giovani

Sull'emergenza Coronavirus:

Qui si sta combattendo un campionato, Cina contro Covid-19. Per ora siamo in vantaggio, la vittoria non è lontana. Ma in Italia questo campionato è appena iniziato. Non si può parlare di tempi, non bisogna parlare del numero di casi. Il processo è lungo, ci vorrà attenzione anche quando sarà tutto arginato. Io sto a casa perché se esco faccio male a me e agli altri. Rispettate le regole, serve responsabilità da parte dei cittadini oltre che dei governi. Qui hanno sospeso i campionati fino ai primi di maggio nonostante non ci fossero calciatori contagiati. La mia quarantena? Mi sveglio con calma e faccio le cose da domestico. Mi alleno in casa, ma il cibo me lo faccio mandare. Non sono appassionato di cucina, anche se quella napoletana mi manca. Con Fabio abitiamo di fronte, entrambi abbiamo avuto il tampone negativo e sappiamo che stiamo bene, quindi per un’oretta ci vediamo. State a casa, è la cosa più semplice. Curate l’igiene e i contatti. La corsetta al parco ve la potete fare anche tra 15 giorni o più, non sottovalutate il problema. In Cina lo hanno fatto, ma poi tutti si sono resi conto e sia i cittadini che il governo hanno fatto la loro parte

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.