Coronavirus, la UEFA ristudia il calcio: pronto il piano per il futuro

Campionati e coppe da terminare entro giugno, Euro 2020 rinviato, Mondiale per Club sospeso: Nyon affronta il Coronavirus rivedendo l'intero programma delle competizioni.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Campionati e coppe da terminare entro il 30 giugno, Euro 2020 rinviato all'anno prossimo - con conseguente spostamento anche degli altri tornei continentali -, Nations League e Mondiale per Club per club in stand-by, in attesa di capire che ne sarà del calcio mondiale. L'emergenza Coronavirus impazza e la UEFA, nella giornata di martedì, ha dovuto cominciare a mettere dei paletti chiari su quella che sarà la prosecuzione della stagione. Una stagione nata alla grande, con diversi tornei appassionanti, ma stoppata sul più bello dallo scoppio di una pandemia che l'OMS ha specificatamente detto di non sottovalutare.

Ci saranno perdite, alcune anche di valore pesante, ma al centro di tutto a Nyon è stato messo il calcio. Bisogna ricominciare e c'è la necessità che gli sforzi di tutti convergano verso lo stesso obiettivo, perché i verdetti sono ancora lì da decidere e, soprattutto, andava studiato un tavolo di lavoro collettivo che, al termine della riunione durata diverse ore, potesse dare indicazioni più chiare a tutti sul da farsi. Il presidente della UEFA Ceferin, il delegato Marchetti ma anche Andrea Agnelli e Gabriele Gravina sono solo alcuni dei padroni del calcio che hanno partecipato alla videoconferenza con la sede centrale del massimo organismo europeo.

Al termine sono state istituite due commissioni: la prima si occuperà della ridefinizione dei calendari, la seconda di quantificare e fare fronte alle ricadute economiche che inevitabilmente la pausa legata al CoVid-19 si lascerà dietro. La prima decisione è stata molto semplice da prendere: Euro 2020, il primo Europeo itinerante, non si giocherà. L'appuntamento è rimandato all'anno prossimo, quando tutto - si spera - sarà sistemato e le partite potranno giocarsi a porte aperte. Delle 24 squadre che vi parteciperanno, 20 sono già sicure: mancavano solo i quattro spareggi di fine marzo, che verranno momentaneamente accantonati e ripresi più avanti.

Coronavirus decisioni UEFA
Alexander Ceferin a colloquio con Gianni Infantino, numero uno della FIFA: il presidente della UEFA, nella giornata di martedì, ha chiuso un tavolo di lavoro che permetterà alle federazioni di portare a termine la stagione

Coronavirus, ripresa e nuovi calendari: la UEFA posticipa il Mondiale per Club 2021

Inevitabile, quindi, che a valanga cambi tutto il resto. Per esempio, mentre la fase a gruppi di Nations League resterà tra settembre e novembre, la final four prevista per giugno 2021 sarà anticipata di qualche mese, molto probabilmente nella pausa di fine marzo. Il Mondiale per Club, in programma invece nel giugno del prossimo anno, slitta addirittura al 2023, in modo da non interferire nemmeno con la kérmesse iridata di Qatar 2022. Il torneo si sarebbe dovuto giocare in Cina e sarebbe stata la prima edizione in versione allargata, come una Champions League ma con squadre di tutto il mondo.

Mentre i calendari vengono rimodulati, la commissione commerciale si occuperà di organizzare al meglio la gestione economica di Euro 2021. La UEFA ha stimato che posticipare di un anno il torneo - che, va ricordato, sarà itinerante - costerà tra i 200 e i 300 milioni di euro in più. Questo tavolo di lavoro avrà il compito di valutare la suddivisione delle perdite tra federazioni. leghe e club, oltre che gli inevitabili effetti sul fair play finanziario e sulle licenze dei club, con rinvio di relativi pagamenti. Inoltre, andranno rivisti e, forse, rinegoziati i diritti tv, fonte di grande introito per tutti. Insomma, c'è da lavorare parecchio, ma il Coronavirus si batte anche così.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.