La FIFA rinvia il Mondiale per club per fare spazio a Euro 2021

Le date della competizione saranno fissate quando ci sarà maggiore chiarezza sulla situazione dello sport globale. Infantino darà anche l'ok alle modifiche straordinarie dei prestiti dei calciatori in caso di svolgimento della stagione oltre il 30 giugno.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il Coronavirus sta modificando tutto il calendario calcistico del prossimo biennio. Dopo il terremoto provocato dal rinvio degli Europei e della Copa America all’estate 2021 e il tentativo di concludere i campionati nazionali e le coppe continentali entro il 30 giugno 2020, la FIFA ha annunciato lo spostamento del Mondiale per club (la FIFA Club World Cup), la cui ultima edizione è stata vinta dal Liverpool in Qatar.
 
Attraverso un comunicato ufficiale, il massimo organismo mondiale calcistico ha disposto che le date della manifestazione saranno fissate in un secondo momento, quando ci sarà maggiore chiarezza sulla situazione dello sport globale, nel 2021, nel 2022 o addirittura nel 2023.

Il presidente della FIFA, Gianni Infantino, ha anche deciso di devolvere 10 milioni di dollari all’Organizzazione Mondiale della Sanità per supportare l’emergenza Coronavirus e ha allo studio il varo di un un fondo globale di assistenza per aiutare le federazioni maggiormente colpite dalla crisi economica legata alla pandemia.

Jurgen Klopp dopo la vittoria del Liverpool in finale contro il Flamengo
Jurgen Klopp dopo la vittoria del Liverpool in finale contro il Flamengo

FIFA, il supporto alla Cina e la modifica dei contratti

All’interno del comunicato rilasciato sul sito ufficiale, Infantino ha annunciato che, al fine trovare soluzioni equilibrate per il bene del calcio e per proteggere tutti gli organizzatori delle competizioni, è fissata una video-conferenza del Consiglio Direttivo domani mattina.
 
Oltre a notificare i rinvii di Euro 2020, della Copa America e del Mondiale per Club, si discuterà con la Federazione e il governo cinesi sul ripristino completo del calcio del Paese dell’Estremo Oriente e sulla possibilità di estendere i contratti in scadenza dei calciatori per il regolare svolgimento della stagione in corso nel caso in cui i vari campionati abbiano termine a luglio, cioé dopo la fine degli accordi annuali.
 
Per quanto riguarda le Olimpiadi in programma a Tokyo dal 24 luglio al 9 agosto, la FIFA rimanda all’annuncio del Cio, che dopo una prima riunione per fare il punto sull’emergenza Coronavirus, non ha rallentato la macchina organizzativa per i Giochi Olimpici e ha invitato “gli atleti a continuare a prepararsi nel migliore dei modi". 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.