Euro 2020 rinviato al 2021 per il Coronavirus: la Uefa ha deciso

La sedicesima edizione del Campionato Europeo per nazioni slitta al 2021.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

AGGIORNAMENTO del 17/3 alle ore 13.40 - Euro 2020 è stato rinviato al 2021 a causa dell'emergenza Coronavirus che sta mettendo in ginocchio il mondo. La Uefa ha preso questa decisione nella riunione d'emergenza convocata per oggi a cui hanno preso parte in videoconforenza le federazioni e i principali club d'Europa. L'Europeo, il primo itinerante, sarebbe dovuto cominciare il 12 giugno a Roma per finire il 12 luglio a Wembley. Nell'estate del 2021 andrà in scena dall'11 giugno all'11 luglio 2021.

Non è colpa di nessuno, ma l'emergenza creata dal coronavirus sta colpendo in modo pesante anche il mondo del calcio. Chi prima, chi dopo, le varie Federazioni europee sono arrivate alla medesima decisione: campionati nazionali sospesi, il rischio di contagio è troppo alto, la salute innanzi tutto. Ma, progressivamente, a essere a rischio è diventata anche la posizione di Euro 2020.

La sedicesima edizione del Campionato Europeo di calcio per nazioni, infatti, è in programma dal 12 giugno prossimo - meno di tre mesi - e il 12 luglio. Date fissate da anni, che però, di fronte a un calendario delle competizioni per club che si fa sempre più pressante, stanno per saltare: campionati, coppe nazionali e, ovviamente, anche quelle europee reclamano spazio.

Sedicesima edizione, si è detto, ma quella che viene sarà anche la prima che non si disputerà in una singola nazione - o in due, come già avvenuto in passato - bensì, in maniera diffusa, coinvolgerà ben dodici città del nostro continente e, di conseguenza, non esiste squadra qualificata di diritto come paese ospitante. Match inaugurale all'Olimpico di Roma, con semifinali e finale a Wembley.

Euro 2020-21
Euro 2020 è la sedicesima edizione del Campionato Europeo di calcio per nazioni

Europei nel 2021, ma l'Uefa chiede 300 milioni ai club

Affascinante? Certo, ma dovremo aspettare per veder partire la macchina di Euro 2020. Anzi, da oggi possiamo cominciare a chiamarlo Euro 2021. Manca solo l'ufficialità, ma la pressione dei club sembra aver convinto l'Uefa a spostare l'Europeo all'estate del prossimo anno, anche perché l'unica altra soluzione sul tavolo - slittamento a novembre-dicembre 2020 - si è scontrata con l'ostracismo della Federazione inglese che non vuole rinunciare al Boxing Day e alla tradizione del calcio sotto l'albero.

Euro 2020-21
Oggi dovrebbe essere reso ufficiale lo slittamento di un anno degli Europei

Sarà, dunque, Euro 2021, ma per accettare lo spostamento l'Uefa ha teso la mano verso i club europei, chiedendo una sorta di indennizzo che dovrebbe arrivare a 300 milioni di euro. Una somma considerevole che andrebbe suddivisa fra le 55 federazioni e che all'Italia potrebbe costare una cifra che presumibilmente si aggirerà intorno ai 30-40 milioni. La decisione definitiva dovrebbe arrivare al termine della riunione odierna cui partecipano, oltre ovviamente all'Uefa, l’Eca (l’associazione dei club europei presieduta da Andrea Agnelli), le leghe continentali, il sindacato dei giocatori e in una seconda battuta anche le federazioni.

Euro 2020-21
Euro 2020: sarà necessario un cambiamento del logo?

Presa tale decisione, ci si tufferà poi a discutere il destino delle competizioni europee per club, dalla Champions League all'Europa League. Al momento l'emergenza coronavirus sta bloccando qualunque manifestazione sportiva, ma le due coppe europee hanno date improrogabili che richiedono decisioni non facili da prendere in questa situazione. Quello che è certo è che vanno concluse entro il 30 giugno. Andare oltre non è possibile per questioni legate ai contratti televisivi, e poi già il 7-8 luglio è in calendario il primo turno di qualificazione della Champions League 2020-21. Le decine di milioni in ballo hanno convinto i club a studiare formule alternative che sono in discussione proprio in questi giorni e, fra queste, l'opzione che sembra conquistare più seguito pare essere quella dai quarti in gara secca, ovviamente dopo aver completato gli ottavi ancora in sospeso, per chiudere con semifinali e finale ravvicinate.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.