Napoli, prima Tsimikas, poi l'attaccante: il punto sul mercato azzurro

Il greco è l'ultima idea per la fascia sinistra. Si valutano le alternative a Belotti: Loren Moron il prescelto, più complicata la pista Jovic.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Cristiano Giuntoli sta lavorando senza sosta per preparare le strategie di mercato per la prossima estate. Il suo Napoli dovrà tornare a splendere e rientrare nel giro della lotta per un accesso in Champions League. Lo farà con Gennaro Gattuso in panchina, confermatissimo, e una rosa puntellata da vari innesti, ai quali ovviamente faranno da contraltare anche diversi addii importanti. In attesa di dipanare la tela riguardante i rinnovi di contratto - si sta lavorando, per esempio, a quello di Callejon - il direttore sportivo partenopeo ha già individuato gli identikit dei primi innesti futuri.

Non è un mistero che, dopo i tanti problemi avuti da quella parte, il Napoli stia attentamente lavorando all'innesto di un terzino sinistro. La lungodegenza di Ghoulam e le prestazioni in chiaroscuro di Mario Rui, d'altronde, non lasciano altre possibilità. E, proprio per questo motivo, si cercherà un profilo giovane da inserire per gradi, in modo da costruirsi in casa il terzino sinistro del futuro. Secondo La Gazzetta dello Sport, della lista dei calciatori visionati farebbe parte anche Kostas Tsimikas. Il 24enne dell'Olympiakos stuzzica molto e, il suo nome, sarebbe stato suggerito direttamente da Gattuso, che lo ha conosciuto ai tempi in cui allenava in Grecia.

Tsimikas è quindi il laterale preferito del Napoli, che avrebbe già avanzato al club del Pireo una prima offerta da 15 milioni di euro. L'Olympiakos ne chiede 20, ma Giuntoli conta di poter vincere la controparte a calare le pretese inserendo nella trattativa qualche bonus di varia natura. L'alternativa rimane Borna Barisic, mancino dei Rangers che si è messo in mostra in quest'ultima edizione di Europa League. Gli scozzesi valutano il croato tra i 7 e gli 8 milioni di euro, una cifra decisamente più contenuta che permetterebbe al Napoli di risparmiare un po'. Ma Tsimikas, in questo momento, parte in pole position.

Calciomercato Napoli Tsimikas Moron Jovic
Loren Moron, attaccante del Betis: la punta andalusa si è messa in mostra nelle ultime due stagioni in Liga, diventando un riferimento offensivo per la squadra. Ha una clausola da 60 milioni di euro, ma il Napoli può far leva sul contratto in scadenza

Napoli, casting di mercato per l'attacco: due soluzioni dalla Spagna

Nel frattempo, il Napoli continua a ragionare sulle manovre di mercato da destinare all'attacco. Nei giorni scorsi si è parlato del forte interessamento per Andrea Belotti, per il quale il Torino chiede una cifra molto alta - addirittura si è parlato di 60 milioni di euro: a quel punto andranno inserite contropartite, ma non Petagna - in cambio del via libera per trattare col calciatore. Così la dirigenza azzurra potrebbe tornare a pescare in Spagna, in un campionato che in passato ha regalato diversi affari d'oro. Nelle ultime ore è tornata a scaldarsi la candidatura di Loren Moron, punta del Betis dalla storia molto particolare, visto che fino a 23 anni giocava ancora nella filial del club.

Moron ha una clausola molto alta, pari a 60 milioni di euro, una cifra che però il Napoli è convinto di poter abbassare. Come? Facendo leva sulla scadenza di contratto col Betis, datata 2022. Giuntoli sfrutterà questa situazione e offrirà agli spagnoli tra i 20 e i 25 milioni di euro cash, il valore ritenuto più equo per trattare seriamente il calciatore. Secondo La Gazzetta dello Sport, la dirigenza azzurra potrebbe arrivare a 30 milioni chiedendo al Betis di annullare la clausola. Oltre, non si va. La seconda opzione rimane invece Luka Jovic, classe 1997 del Real Madrid, finito ben presto in fondo alle rotazioni di squadra.

Qui la trattativa risulta decisamente più complicata, perché in realtà il Real Madrid vorrebbe tenerlo e inserirlo gradualmente, in modo da avere già in casa il post Benzema. Il serbo però vuole giocare stabilmente e difficilmente accetterà un'altra stagione da comprimario. Parlando di soldi, De Laurentiis si è un po' spaventato quando ha saputo che i Merengues chiedono almeno 40 milioni di euro. L'investimento potenziale è ottimo, il giocatore giovane e con margini di miglioramento, ma va capito come eventualmente potrebbe inserirsi all'interno del progetto tecnico di Gattuso. Che, va ricordato, in attacco gioca a tre e non a due, sistema nel quale Jovic è sbocciato a Francoforte. Per questo, almeno per lui, le valutazioni rimangono in corso.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.