Coronavirus, il patron dell'Hoffenheim in prima linea per il vaccino

La Curevac, azienda farmaceutica di Dietmar Hopp, sarebbe vicina alla scoperta del vaccino contro il Covid-19. Trump avrebbe proposto di comprare l'intero laboratorio per la cifra monstre di un miliardo di dollari, ma il miliardario si sarebbe rifiutato.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Da presidente di club più odiato di Germania a simbolo della lotta al Coronavirus. Secondo quanto riportato dal quotidiano tedesco Der Spiegel nei giorni scorsi, Dietmar Hopp, patron dell’Hoffenheim, sarebbe alla ricerca del vaccino al Covid-19 con la sua Curevac, azienda leader mondiale nel settore farmaceutico.
 
L’80enne miliardario era stato protagonista inconsapevole di un triste e surreale episodio in Hoffenheim-Bayern Monaco un paio di settimane fa: all’inizio della ripresa sul 4-0 dei bavaresi, dalla curva dei campioni di Germania sono partiti dei fumogeni che hanno costretto l’arbitro a interrompere il gioco. A questi sono seguiti striscioni contro Hopp con annessi cori offensivi.

Il motivo? In Bundesliga vige la regola del “50+1”, ovvero i tifosi devono detenere la quota di maggioranza all’interno di ogni singolo club. Il proprietario dell’Hoffenheim è uno dei pochissimi ad aver ricevuto una deroga all’azionariato popolare, l’unico di fatto nella serie A tedesca. I tifosi di tutte le altre squadre ritengono che questo sia un affronto e un’ingiustizia. Quelli del Dortmund, ad esempio, a dicembre hanno ricevuto il divieto di andare in trasferta a Hoffenheim per tre anni dopo uno striscione come questo. 

In molti in queste ore in Germania hanno ripensato subito alle parole di Hansi Flick, allenatore del Bayern, che dopo quel match surreale di fine febbraio, cercando di buttare acqua sul fuoco, aveva detto: 

Voi non avete idea di chi state offendendo, Dietmar Hopp investe milioni nella ricerca medica

Dietmar Hopp è in prima linea per la ricerca del vaccino contro il Covid-19
Dietmar Hopp, presidente dell'Hoffenheim

I tempi del vaccino e il no a Trump

Ma c’è di più. Secondo il settimanale tedesco il Welt am Sonntag, il presidente americano, Donald Trump avrebbe proposto a Hopp di comprare il suo laboratorio per la cifra monstre di un miliardo di dollari. Il New York Times ha riportato la smentita dell'Ambasciatore americano in Germania, mentre il miliardario tedesco ha chiuso la vicenda con queste parole.

La Curevac sta studiando il vaccino contro il Coronavirus per aiutare la gente non solo in alcune regioni, ma in maniera solidale in tutto il mondo. E sarei felicissimo se questo risultato potesse essere raggiunto attraverso i miei investimenti a lungo termine in Germania

La testata tedesca Sport1 ha poi intervistato l'imprenditore sui tempi e le modalità del vaccino riportando che andrà testato prima sugli animali e poi sugli esseri umani e che potrebbe essere disponibile in autunno, per prevenire una possibile ondata di nuove infezioni. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.