Biglia: "In Italia non hanno seguito le regole e ora sono al collasso"

Le parole del centrocampista dei rossoneri sull'emergenza Coronavirus.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Il centrocampista del Milan Lucas Biglia ha parlato dell'emergenza Coronavirus ai microfoni di Cnn Radio:

In Italia hanno sottovalutato il problema, non hanno seguito le regole. Siamo arrivati al collasso, i medici lavorano senza sosta. Muore la gente col virus, ma anche persone con altre patologie che non possono avere assistenza

Poi gli è stato chiesto di commentare la scelta del River Plate, che si è rifiutato di scendere in campo e ora rischia di essere punito con la retrocessione:

Preferisco perdere la categoria che la vita. I giocatori devono dire che il calcio va fermato perché non siamo immuni, non siamo supereroi. Il calcio è uno sport nel quale sono in gioco tantissimi interessi ma ora ci sono altre cose che contano. I giocatori devono metterci la faccia. Se prendo il virus lo trasmetto alla mia famiglia, ora sono altre le priorità

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.