Serie A: ecco perché la stagione deve chiudersi entro il 30 giugno

Per ragioni burocratiche, il campionato italiano non può slittare oltre la data in cui si chiudono i bilanci di tutti i club. E la cosa potrebbe avere ripercussioni sul Fair Play Finanziario.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

La priorità dei vertici del calcio italiano al momento è capire come (e se) riprendere il campionato di Serie A dopo la sospensione decisa ufficialmente dal Governo almeno fino al prossimo 3 aprile per fronteggiare l'emergenza Coronavirus.

Ma secondo la ricostruzione di Sky Sport, c'è un limite temporale oltre il quale non si potrà andare per ragioni economiche e burocratiche: quello del 30 giugno, che corrisponde alla data in cui vengono chiusi i bilanci di quasi tutti i club.

L'impatto economico della sospensione si farà sentire per tutte le società ma se si andasse oltre quel giorno i problemi si moltiplicherebbero dato che la chiusura del bilancio è un momento fondamentale per gli equilibri contabili di ogni squadra, legata anche ai paletti imposti dal Fair Play Finanziario.

Campionato di Serie A
Il campionato di Serie A dovrà finire entro il 30 giugno

Serie A: perché il campionato non può slittare oltre il 30 giugno

Senza contare il caso che creerebbe sul calciomercato per via dei contratti che scadono in quel momento, le difficoltà nel ripensare agli aspetti amministrativi come gli affitti degli stadi, gli sponsor e le assicurazioni per i calciatori che hanno tutti scadenza 30 giugno.

Oltrepassare questa immaginaria linea rossa vorrebbe dire stravolgere accordi fissati da tempo e quindi sconvolgere ogni tipo di equilibrio, non solo per le grandi ma per ogni società di Serie A. Che ora aspetta di capire come ripartire, come spiegato da Gravina ai microfoni di Sportmediaset XXL.

Proporremo all'UEFA di rinviare l'Europeo, ci sono investimenti e aspettative ma martedì ne parleremo: l'obiettivo primario è la tutela della salute. Il nostro auspicio è quello di finire tutto entro il 30 giugno, senza dimenticare che ci sono anche le coppe da terminare.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.