Il coronavirus arriva in Liga: cinque contagiati nel Valencia

Il difensore argentino ha tranquillizzato tutti sui social: "Sto molto bene". La società ha poi comunicato che i tesserati positivi al Covid-19 sono 5.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

AGGIORNAMENTO del 15/03 ore 19:00 - L'Atalanta ha annunciato che le persone che hanno partecipato alla trasferta di Valencia si ritroveranno in isolamento domiciliare dopo la conferma di positività dei tesserati del Valencia. La squadra nerazzurra ha comunque fissato il ritorno in allenamento per il 24 marzo.

AGGIORNAMENTO del 15/03 ore 14:00 - Aumenta subito il numero di contagiati in casa Valencia. Il club ha comunicato che 5 tesserati (tra calciatori e staff) sono risultati positivi al coronavirus, ecco la nota ufficiale:

Il Valencia CF comunica si aver riscontrato cinque casi di tesserati positivi al coronavirus (COVID-19) tra membri dello staff e giocatori della prima squadra. Tutti sono a casa  in buona salute, per cui hanno adottato delle misure di isolamento domiciliare. Oltre alle informazioni che forniremo nelle prossime ore, il club ribadisce il proprio sostegno alle autorità sanitarie nella campagna di sensibilizzazione affinché l'intera popolazione rimanga a casa, continuando a seguire tutte le misure igieniche e di prevenzione già note a tutti i cittadini. Allo stesso modo, il Valencia CF rafforza la fiducia nel nostro sistema sanitario e nelle raccomandazioni del Ministero della Salute per quei lievi casi di infezione da coronavirus che si trovano in isolamento domestico. 

Primo caso di coronavirus per la Liga spagnola. Ezequiel Garay, difensore centrale del Valencia, è infatti risultato positivo al Covid-19. Per evitare facili collegamenti, va detto che l'argentino non era neanche in panchina per la doppia sfida di Champions League contro l'Atalanta, in quanto ai box per la rottura del legamento crociato dallo scorso 2 febbraio. Con un post pubblicato su Instagram, Garay ha tranquillizzato tutti. Ecco le sue parole.

Il 2020 è iniziato con il piede sbagliato. Sono positivo al coronavirus, sto molto bene e ora devo solo rispettare le misure delle autorità sanitarie, al momento devo restare in isolamento.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.