L'Equipe: Euro 2020 posticipato al 2021, martedì l'annuncio ufficiale

L'UEFA comunicherà il rinvio dell'evento continentale per l'emergenza Coronavirus. Il 17 marzo l'annuncio dello slittamento di 12 mesi.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

L'emergenza Coronavirus non risparmierà nemmeno Euro 2020. È quanto raccolto da L'Equipe nelle ultime ore, con la concreta possibilità che gli Europei itineranti in programma durante la prossima estate vengano rimandati di un anno. Pare, dunque, che l'UEFA estenderà il rinvio delle manifestazioni internazionali anche alla prossima competizione per Nazionali.

Pur non conoscendo l'evoluzione che il virus avrà nel corso dei prossimi mesi, gli organi federali opteranno per un rinvio al 2021, che verrà annunciato ufficialmente soltanto martedì prossimo dopo una serie di consultazioni. In ballo, ovviamente, ci sono anche Champions League ed Europa League, in pieno svolgimento e con diverse partite già rinviate o a rischio.

Il rinvio di Euro 2020 è inoltre subordinato a quello dei principali campionati europei. La Serie A e la Liga si sono già fermate, mentre in Premier League potrebbe non bastare l'idea di continuare la stagione a porte chiuse. Con le federazioni nazionali in continuo aggiornamento, per l'UEFA diventa difficile programmare un evento continentale senza avere certezza di quando termineranno le stagioni di Spagna e Italia, a cui presto potrebbero aggiungersi altri tornei.

L'Equipe annuncia: Euro 2020 rinviato al 2021 per l'emergenza Coronavirus
L'Equipe annuncia: Euro 2020 rinviato al 2021 per l'emergenza Coronavirus

L'Equipe: Euro 2020 rimandato di un anno

Anche in caso di ripresa dei campionati, il margine per poter disputare Euro 2020 comincia ad essere particolarmente ristretto. Si dovrebbe giocare tra il 12 giugno e il 12 luglio e non ci sarebbe comunque la possibilità di rimandare l'evento di qualche settimana, visto che i club avranno l'esigenza di preparare la prossima stagione. Il rischio di accavallarsi, dunque, è concreto, ma le ultime evoluzioni del Coronavirus sembrano spostare l'attenzione da un problema meramente organizzativo ad un altro puramente medico.

La positività del calciatore dell'Hannover Timo Hübers è stata seguita da quelle di Daniele Rugani e Manolo Gabbiadini, rispettivamente difensore della Juventus e attaccante della Sampdoria. Inoltre, il tecnico del Leicester, Brendan Rodgers, ha ammesso che alcuni suoi calciatori presentano sintomi riconducibili al Covid-19 e hanno deciso di isolarsi dal resto della squadra per evitare un eventuale contagio.

I primi esiti delle analisi effettuate dai giocatori apre ad uno scenario da non sottovalutare: si può disputare Euro 2020 con il rischio che il virus continui la sua espansione tra gli atleti potenzialmente convocabili? Per l'UEFA non sembra un rischio da correre, al punto da rinviare di un anno gli Europei. Stando a quanto riportato da L'Equipe, gli organi federali si riuniranno nei prossimi giorni per arrivare ad una decisione da comunicare martedì 17 marzo. La pista maggiormente indicata sembra quella di uno slittamento di 12 mesi.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.