Ritorno in Cile per il Coronavirus? Quarantena per Vidal e Sanchez

Il Ministro della Salute Jaime Mañalich ha disposto la quarantena obbligatoria per tutti i cileni che rientreranno da Spagna e Italia, compresi i due calciatori.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Con lo sport italiano ufficialmente fermo per il Coronavirus e il resto del calcio europeo che potrebbe uniformarsi a breve, i calciatori stranieri intendono trascorrere il periodo di sosta forzata accanto alle proprie famiglie. Per questo motivo, il Cile ha annunciato provvedimenti importanti per tutti gli atleti del proprio Paese che giocano in Europa, con particolare riferimento a Spagna e Italia.

Il Ministro della Salute, Jaime Mañalich, ha disposto la quarantena obbligatoria per tutti i cittadini cileni, senza eccezioni di alcun tipo, che rientrano dopo un periodo trascorso nei due Stati europei, in modo da limitare il numero dei contagi nei confini nazionali. Fino a questo momento, il Cile conta 17 contagiati ufficiali e le autorità politiche hanno appena stilato un protocollo che dovrà essere rispettato da chiunque rientri a casa.

Ovviamente, al centro della questione ci sono giocatori di spicco come Arturo Vidal e Alexis Sanchez. Il centrocampista del Barcellona e l'attaccante dell'Inter sono i calciatori maggiormente sotto i riflettori per l'emergenza Coronavirus in Cile, ma con loro ci sono anche Pulgar della Fiorentina, Medel del Bologna e Orellana dell'Eibar. Mañalich non ammette strappi alla regola, ma lo studio della questione non si ferma alla quarantena obbligatoria:

Non facciamo alcuna distinzione tra le persone in base alle loro professioni, nessuno è immune al Coronavirus e queste misure che abbiamo adottato valgono per tutti i cittadini cileni che rientrano dalla Spagna o dall'Italia. Se i calciatori vogliono allenarsi in una struttura privata o vogliono essere messi in quarantena tutti insieme nel centro sportivo Juan Pinto Duran, non è una questione che al momento dipende da noi.

Il Cile dispone la quarantena obbligatoria per chi rientra da Spagna e Italia: Vidal e Sanchez a rischio
Il Cile dispone la quarantena obbligatoria per chi rientra da Spagna e Italia: Vidal e Sanchez a rischio

Cile, quarantena obbligatoria per Vidal e Sanchez

Juan Pinto Duran è il centro d'allenamento della Nazionale cilena, che potrebbe accogliere i calciatori in quarantena in caso di rientro in patria dai due Paesi indicati. Non si tratta di un'idea così lontana dalla realtà, visto che nelle prossime settimane ci saranno i match per le qualificazioni ai Mondiali 2022.

Si aprono due spiragli molto delicati per il rientro dei calciatori da Spagna e Italia. Il Cile giocherà il 26 marzo a Montevideo, in casa dell'Uruguay, che non ha adottato le stesse misure del governo cileno. Vidal e Sanchez, così come gli altri calciatori, potrebbero raggiungere la Nazionale direttamente in trasferta, evitando così la quarantena obbligatoria.

Il problema, però, è solo rimandato: il 31 marzo, il Cile affronterà la Colombia a Santiago, dove i convocati che giocano in Spagna e in Italia non potranno giocare per via delle misure adottate dalla politica. La quarantena obbligatoria non permette nessuna eccezione, quindi nessuno dei 5 giocatori succitati potrà prendere parte al match. Allo stesso modo, il rientro in patria coinciderebbe con un periodo di permanenza forzata, senza la possibilità di lasciare il Paese per tornare in Spagna o in Italia. Una situazione delicata che i calciatori dovranno valutare sia in prima persona, sia in accordo con le direttive dei club.

Vidal Sanchez
Vidal e Sanchez potrebbero giocare contro l'Uruguay a Montevideo, ma non a Santiago contro la Colombia

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.