Milan, non si placa il caos: Boban porterà Gazidis in tribunale

Il croato è convinto che l'intervista che ha creato la polemica nel club fosse legittima e si opporrà alle modalità di risoluzione del contratto.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il giorno dopo la sconfitta casalinga contro il Genoa, nell'ambiente Milan continua a regnare la confusione creata dallo scontro in società fra Zvonimir Boban e Ivan Gazidis culminato con l'allontanamento dal club per il croato ufficializzato con un comunicato sabato pomeriggio.

L'ex dirigente dell'Arsenal, inquadrato ieri da solo sugli spalti di un San Siro svuotato dai tifosi, non ha digerito le dichiarazioni fatte dal collega nell'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport e dopo alcuni accesi confronti ha decisi di lasciarlo andare concludendo il suo rapporto con i rossoneri grazie a quello che di fatto è un licenziamento per giusta causa.

Il giorno dopo Boban ha rincarato la dose con altre dichiarazioni al veleno nei confronti della dirigenza del Milan (paragonata alla Corea del nord) soprattutto per la gestione del caso Rangnick. E ora il croato ha deciso addirittura di muoversi per vie legali.

Boban con Maldini e Massara
Boban non si arrende e porterà Gazidis in tribunale

Milan, Boban porterà Gazidis in tribunale dopo l'allonatanamento

Lo rivela proprio la Gazzetta dello Sport, che spiega come lo scontro fra Boban e Gazidis non finirà qui: il croato si opporrà al licenziamento per giusta causa perché ritiene assolutamente legittime le parole dette nell'intervista incriminata, rilasciata nel rispetto del suo contratto da Chief Football Officer del Milan.

Alla questione di principio si aggiunge anche il lato economico perché la risoluzione del contratto non garantirà a Boban la buonuscita che invece lui ritiene di meritare. In attesa di scoprire quale sarà il suo percorso lontano dal Milan (ormai probabile il suo rientro nei vertici della FIFA), Zorro vuole puntare i piedi e ha già contattato i suoi legali per portare la società rossonera in tribunale dopo il burrascoso addio.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.