Lippi: "Juve superiore all'Inter. Scudetto? Sarebbe giusto invalidarlo"

L'ex commissario tecnico ha parlato ai microfoni di Radio Anch'Io su Radio1.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Marcello Lippi, ex allenatore di Juventus e Inter, è intervenuto ai microfoni di Radio Anch'Io su Radio1:

Entrambe hanno fatto una buona partita, bene l'Inter nel primo tempo ma ha meno qualità rispetto alla Juventus e alla fine è venuta fuori. La Juve ha fatto una buona partita, è sempre stata forte e determinata. In questi 30 anni ha giocato tante grandi partite, ha sempre dominato e così è stato ieri.

A proposito della lotta Scudetto, Lippi ha dichiarato:

La Lazio è in corsa, ha dimostrato per 2/3 di campionato sotto l'aspetto fisico e della qualità che deve pensarci. Ma anche l'Inter deve pensarci, perché vincendo la gara di recupero con la Sampdoria tornerebbe e a-6 e ci sarebbe ancora lo scontro diretto Juve-Lazio. Conte ha ammesso che c'è differenza con la Juventus, che l'Inter è in costruzione, ma sicuramente ha fatto anche lei un buon campionato.

Serie A, Marcello Lippi su Inter, Juventus e Coronavirus

Riguardo la delicata situazione italiana poi, questo il suo pensiero:

C'è sempre grande confusione, ognuno pensa ai propri interessi. C'è chi è deputato a governare. C'è un Governo che deve fare delle leggi che gli altri devono rispettare. Io cosa avrei fatto? Non bisogna chiederlo agli allenatori, perché alcuni dicono che non si possono negare 2 ore di svago a chi sta soffrendo e altri che la pensano in modo diverso. Il mio parere personale non conta, ci sono delle persone che devono decidere. Se fermiamo il campionato allora i giocatori non dovrebbero neanche allenarsi. Perché se si allenano, tanto vale che si giochi. Ieri ho visto giocare con determinazione, entusiasmo e voglia. Come si fa a dire che non ci si deve abbracciare dopo un gol, vuol dire che non si conosce lo sport.

E ancora:

Nessuno pensava che si potesse vivere un momento così difficile, è chiaro che tutti devono fare la loro parte. Probabilmente il calcio si fermerà, io capisco che non è bello vedere le partite senza tifosi. Se si dovesse fermare il campionato, io penso che dovrebbe rimanere invalidato. Io mi auguro però che si possa andare avanti presto, che si risolva la situazione e che si possa tornare a giocare con la Nazionale di Mancini che possa disputare l'Europeo. La Cina? Ho vissuto 8 anni lì, è un popolo che ha voglia di crescere nel calcio. Quando è scoppiato questo pandemonio io ero già venuto via, stanno cercando di risolverlo con grande rigore.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.