Inter, Conte: "Siamo vicini alla Juventus, ora alziamo l'asticella"

Il tecnico nerazzurro ha presentato il match dello Stadium ai microfoni del canale ufficiale del club.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Niente conferenza stampa, causa coronavirus. Ma Juventus-Inter è una partita che merita di essere presentata adeguatamente alla vigilia. Ecco perché Antonio Conte, tecnico dei nerazzurri, ha parlato comunque ai microfoni di Inter Tv nel primo pomeriggio di oggi. Per lui sarà un ritorno speciale - ma triste - allo Stadium, senza pubblico, senza magia. Questo però non cambia l'importanza del match, lo dimostra la classifica: a Torino ci si gioca un pezzo di scudetto:

Le condizioni generali della squadra sono buone, ci siamo dovuti adeguare al nuovo programma di lavoro ma abbiamo fatto bene - ha detto Conte -. I ragazzi sono straordinari, c'è sempre grande abnegazione e voglia. Questo tipo di partite hanno un preciso significato di classifica, scenderemo in campo con determinazione e intelligenza. Vogliamo alzare l'asticella. Siamo vicini alla Juventus e questo significa che stiamo facendo grandi cose.

Un commento sulle porte chiuse:

È difficile immaginare come sarà, il pubblico è importante quando si gioca a calcio. Soprattutto in partite così belle. Il momento però è delicato e la salute viene prima di tutto. Dobbiamo essere bravi ad adeguarci e restare più al sicuro possibile.

Gestire l'emergenza, da uomini di sport, è complicato:

Non è semplice, la situazione è delicata. Tutti abbiamo famiglie e la cosa che sta accadendo non ci lascia indifferenti. È inevitabile che tutti quanti stiano cercando di affrontare la situazione nel migliore dei modi. Il giorno della partita serve affidarsi a un programma ben preciso. In questo periodo bisogna cercare di riportare un po' i giusti valori di questo sport. Il calcio trasferisce valori umani e sportivi.

Comunque, come cercherà di vincere l'Inter?:

Ogni partita ha una storia a sé, i dettagli faranno la differenza. Affronteremo una squadra molto forte, che rispettiamo, ma da parte nostra c'è l'ambizione di cercare di avvicinarci alla Juventus tramite il lavoro.

Sulla stagione di Lukaku ha aggiunto:

Sono molto contento e non potrebbe essere altrimenti. Sta facendo molto bene al suo primo anno in Italia. Lavora sempre per migliorare se stesso e la squadra, e anche gli altri lo aiutano. Dietro Romelu c'è una squadra che lo supporta.

Infine, un commento sul match di giovedì di Europa League. A San Siro farà tappa il Getafe:

Sarà una partita ostica e combattuta. Il Getafe è la rivelazione del calcio spagnolo, una squadra compatta e solida con un grande allenatore. Dovremo essere bravi a cercare di passare il turno, si giocherà a porte chiuse e questa è un'altra cosa da considerare".

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.