Rooney: lampi di classe contro lo United, ma Romero gli nega il gol

In FA Cup con la maglia del Derby County, Wayne ha perso 0-3 contro i Red Devils. Il portiere è stato “criticato” dai tifosi per avere negato al loro ex idolo la gioia del gol.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Certo, il Derby County non poteva pensare di vincerla: un ottavo di finale di FA Cup contro il Manchester United non è proprio il viatico ideale per un club che già non sta propriamente brillando nella Championship inglese. Ma bisognava giocarsela, anche perché quella di ieri sera al Pride Park era una partita davvero speciale: era la partita di Wayne Rooney contro il suo passato.

Tredici stagioni ai Red Devils, 559 match giocati, 253 gol realizzati e ben 146 assist - alla faccia di chi lo riteneva solo un animale da area di rigore - sono numeri che parlano da soli. Arrivato da wonderboy dell'Everton nel 2004 per 37 milioni di euro, allora una somma enorme per un ragazzo di soli 18 anni, a Manchester Wayne ha vinto tutto: 5 Premier League, 1 Champions League, 1 Mondiale per club, 1 Europa League e una vagonata di coppe e supercoppe nazionali.

Pupillo di sir Alex Ferguson - come pochi altri giocatori - Rooney ha cominciato lentamente a perdere un po' di smalto proprio quando il suo mentore ha deciso che era giunto il momento di dire stop: ancora una discreta stagione nel 2013-14 poi, inesorabile il declino, fino al ritorno ai Toffees nel 2017, poi la parentesi Usa e infine il richiamo dell'Inghilterra con un ruolo di giocatore e tecnico delle giovanili al Derby County.

Wayne Rooney
Wayne Rooney: anche una Champions League nel suo palmares al Manchester United

Rooney: lampi di classe contro lo United

Tornato in patria da due mesi, Wayne ha subito dato il suo contributo alla causa dei Rams: nello scalpo sottratto al Crystal Palace nel terzo turno della FA Cup c'è anche il suo zampino, ma contro il Manchester United rimesso in piedi dagli innesti di Bruno Fernandes e Odion Ighalo non c'è stato nulla da fare. I due ex Udinese sono stati fatali al Derby: il primo nelle vesti di ispiratore, il secondo di spietato finalizzatore, con la doppietta che ha chiuso il match sullo 0-3, settima sconfitta su 7 incroci fra Roo e lo United.

Rooney
Lampi di classe per Rooney contro i Red Devils

Ma Rooney, sotto gli occhi commossi della moglie Coleen e del figlio Kai presenti in tribuna, ha mostrato sprazzi dell'antica classe. Certo, lo spunto non è più quello dei bei tempi e per giunta ieri Cocu lo ha schierato praticamente da mediano per infastidire proprio Fernandes, ma le punizioni sono tutte sue e il suo colpo di pennello è sempre quel marchio di fabbrica che i tifosi dei Red Devils ricordano molto bene. Per referenze chiedere a Sergio Romero che ieri sera è stato schierato in porta al posto di de Gea.

Rooney Mata
Serata particolare per Rooney, qui abbracciato dal suo ex compagno Mata

Ma Romero gli nega il gol

Il portiere argentino ha dovuto superarsi almeno due volte sull'ex compagno di squadra: la prima al 17', col match ancora sullo 0-0, con l'aiuto del palo e la seconda proprio allo scadere quando, a risultato ormai acquisito, persino ai tifosi dello United non sarebbe dispiaciuto veder segnare il loro ex idolo. Ma, come ha detto Solskjaer a fine match, "Romero non aveva letto la sceneggiatura" e ha fatto il suo dovere fino in fondo. Giusto così? Probabilmente sì, visto che se per un attaccante l'obiettivo è segnare il più possibile, quello del portiere è firmare un clean sheet.

Un atteggiamento, quello dell'estremo difensore dello United, che ne ha fatto un bersaglio dei suoi stessi tifosi che sui social lo hanno bonariamente criticato per aver negato la gioia del gol a Rooney, mentre lo stesso ex attaccante della Nazionale inglese, non ha saputo celare la propria delusione nelle interviste di fine partita: 

Sergio non era di buon umore oggi: avrebbe potuto lasciarla entrare, no? Sarebbe stato bello, ma è andata diversamente.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.