Conferme, addii, calciomercato: il Real Madrid del futuro prende forma

Florentino Perez deve fare i conti con una rosa piena di over 30 e investimenti rivedibili. Il grande sogno resta Mbappé, stuzzicano i rientri di Hakimi e Odegaard.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Uno dei passatempi preferiti dal tifoso medio è senza dubbio quello di immedesimarsi nel direttore sportivo della propria squadra, condurre il mercato in prima persona e portare il proprio club in cima al mondo. In questi mesi, a Madrid in molti si sono chiesti che sarà del nuovo Real, una squadra ancora in lotta per tutto ma che, inevitabilmente, avrà bisogno di una grande restyiling in vista della prossima stagione. Quella che verrà sarà un'estate molto calda, soprattutto dal punto di vista del mercato, perché i merengues hanno bisogno di una bella rinfrescata in tutti i reparti.

Vero, Florentino Perez ha già iniziato il processo di ringiovanimento andando a bloccare tre talenti brasiliani di valore assoluto come Vinicius Juniors, Rodrygo e Reinier, oltre ad aver portato nella capitale spagnola Federico Valverde, uno dei centrocampisti più futuribili in circolazione, ma l'impressione è che da giugno in poi il numero uno del club dovrà nuovamente mettere mano al portafoglio, in modo tale da gettare le basi per quella che sarà la squadra che verrà. Zidane, dal canto suo, un paio di nomi li avrebbe già fatti: Paul Pogba e Kylian Mbappé rappresentano i primi obiettivi del tecnico francese, ma se prenderne solo uno è già abbastanza complicato, assicurarseli entrambi sarà impossibile.

Dall'altra parte, però, c'è una situazione anagrafica che preoccupa: al momento, ci sono almeno sei pilastri del Real Madrid che hanno ampiamente superato i 30 anni di età. Da Modric a Kroos, passando per Sergio Ramos, Benzema, Marcelo e Bale, ci sono calciatori sui quali si può ancora contare sull'immediato, ma difficilmente la maggior parte di loro sarà in grado di dare garanzie in previsione di ciò che sarà. Se a questi ci aggiungiamo anche Eden Hazard, finito nuovamente sotto i ferri, ecco che dalle parti di Chamartin andranno a breve fatti dei ragionamenti molto profondi in vista del prossimo futuro.

Calciomercato Real Madrid tra presente e futuro
Achraf Hakimi, laterale del Borussia Dortmund: il marocchino da due anni gioca in Germania, ma il cartellino è di proprietà del Real Madrid, che lo riporterà alla base in estate

Real Madrid tra presente e mercato: i progetti di Florentino Perez

Il problema, come al solito, è rappresentato dall'eterno dilemma calcistico secondo il quale, una volta che ci si è liberati di un giocatore di grande spessore, poi è complicato sostituirlo. Servirebbe quindi un periodo di transizione, col quale riazzerare i valori e poi ripartire con volti nuovi, ma al Real Madrid non puoi permetterti di farlo. Il pubblico esigente vuole vincere sempre e comunque, e difficilmente il popolo merengue accetterebbe qualche stagione di ricostruzione dopo un periodo nel quale sono state vinte quattro Champions League in un lustro. Per questo serve gente giovane, affamata ma anche già pronta per dare sin da subito il proprio contributo.

In difesa potrebbe essere fatto un grosso investimento in zona centrale, soprattutto qualora il tira e molla per il rinnovo di Sergio Ramos dovesse andare per le lunghe. A sinistra il Real Madrid si era coperto con l'arrivo di Ferland Mendy, il quale ha panchinato un Marcelo che nella prossima finestra di mercato andrà probabilmente via, soprattutto se da Siviglia rientrerà Sergio Reguilon. Per la destra, invece, si parla del grande ritorno di Achraf Hakimi; ceduto al Borussia Dortmund nel 2018, dopo il prestito biennale potrebbe rientrare alla base per restare. Classe 1998, Hakimi in Germania è diventato un calciatore di livello assoluto, dimostrando peraltro di essere spendibile in più posizioni.

Il suo score attuale parla chiaro: in stagione ha segnato 6 gol e messo a referto già 10 assist, una cifra clamorosa che lo rende tra i migliori giocatori per rendimento dell'intera Bundesliga. Il marocchino ha solo 21 anni ma gioca con autorità ed esperienza: in pratica, aveva solo bisogno di spazio e fiducia, entrambi trovati sotto la sapiente gestione di Lucien Favre in quel di Dortmund. Hakimi potrebbe alternarsi a Carvajal o giocare più avanzato, diventando una risorsa molto importante per Zidane.

Centrocampo tra conferme e ritorni: si candida Odegaard. E Mbappé...

Casemiro ha 28 anni e la forza per reggere ancora un lustro. Accanto a lui, in un 4-3-3 molto fluido, Zidane potrebbe puntare forte su Federico Valverde e Martin Odegaard. L'uruguayano è ormai una certezza, pur avendo solo 21 anni e poche manciate di presenze alle spalle. Vivaio Peñarol, per il francese è diventato insostituibile a tal punto che spesso il Real Madrid ha mutato spartito tattico per permettergli di giocare titolare. Il norvegese, invece, sta trovando una grande stagione con la Real Sociedad, con la quale ha raggiunto anche la finale di Copa del Rey. Alguacil lo impiega da mezzala destra, con il compito di galleggiare tra le linee quando la squadra è in costruzione. Soluzione interessante ed efficace, che anche il Madrid potrebbe adottare.

Davanti il grande investimento potrebbe essere legato al già citato Mbappé, ma i Blancos avranno bisogno anche di un centravanti di spessore visto che Benzema, nonostante il contratto in scadenza nel 2022, ha imboccato un'inevitabile fase calante, e Luka Jovic sarà uno dei sacrificati della prossima sessione di mercato. Per fortuna le fasce sono ben coperte, con Vinicius Junior e Rodrygo pronti a contendersi un posto sulla fascia sinistra, e il 2002 Reinier che scalpita per ritagliarsi un ruolo da protagonista. L'ex Flamengo, ora impegnato nel Castilla, è una punta atipica che può giocare di fianco a un numero nove di ruolo o da suggeritore, fornendo così una soluzione che in rosa manca da tempo.

Per quanto riguarda Mbappé, infine, il discorso è molto più articolato. Il PSG non vuole cederlo prima del 2022, in modo da presentarsi al Mondiale qatariota con una stella da sbandierare al mondo intero, ma Florentino Perez sta pianificando l'assalto al francese per l'estate 2021, un anno esatto prima della scadenza di contratto del giocatore. Che, a quel punto, potrebbe essere acquistato a cifre decisamente inferiori rispetto a quelle che circolano ora. Il suo valore attualmente è inestimabile, ma la voglia di mettersi in gioco in una realtà come quella madridista stuzzica non poco Mbappé, il quale ha già strizzato l'occhio parecchie volte a Zidane.

Vada come vada, gli investimenti del Real Madrid non sono di certo finiti. Aver tenuto per anni la stessa intelaiatura e il medesimo zoccolo duro di uomini costringe il club a intervenire, da ora in poi, in maniera massiccia. I soldi ci sono, ma come sempre bisognerà fare i conti col bilancio. Di certo, tra qualche mese, dalle parti del Bernabeu le porte cominceranno a girare, in vista di una rivoluzione che non può più essere procrastinata.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.