Mbappé tra record e futuro: prove di rinnovo col Real Madrid in attesa

Il francese sbriciola primati e manda segnali a Florentino Perez. PSG al lavoro per rinnovargli il contratto in scadenza nel 2022 e farne l'uomo immagine del Mondiale.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Continua il momento d'oro di Kylian Mbappé. L'attaccante del PSG si è reso ancora protagonista di una prestazione senza eguali: nel 5-1 esterno che i parigini hanno rifilato al Lione, la punta classe 1998 ha segnato una tripletta, entrando poi nell'azione che ha portato al calcio di rigore trasformato da Neymar. Nonostante sia ancora giovanissimo, Mbappé ormai ci ha abituato a questo tipo di prestazioni: che il suo impatto nel professionismo sarebbe stato devastante era già ben chiaro ai tempi del Monaco, che per cederlo agli attuali campioni di Francia ha incassato oltre 100 milioni di euro.

Ormai settimanalmente, quindi, ci si trova ad aggiornare le sue cifre: con le tre reti segnate al Lione, il bomber transalpino sale a quota 90 realizzazioni da quando è atterrato a Parigi. A corredo, vanno registrati anche 44 preziosi assist in 119 partite complessive, il che significa che - in questo momento - Mbappé ha più partecipazioni in zona gol che presenze. Davvero impressionante, se consideriamo anche come si stia mettendo in mostra in un contesto sicuramente competitivo, dove ha una concorrenza molto serrata da parte di giocatori come Neymar, Cavani e ovviamente Icardi.

Il talento di Bondy è anche il più giovane calciatore della storia del PSG ad aver vinto tutte le competizioni locali in almeno un'occasione, lo scorso anno si è laureato MVP della Ligue 1 e, chiaramente, è stato uno dei protagonisti degli ultimi due campionati vinti dal club. Il suo valore in questo momento è praticamente inestimabile, anche se la società ormai da tempo sta lavorando sodo per blindarlo una volta per tutte. La situazione legata al suo futuro, però, è decisamente fluida, visto che il ruolo centrale che si sta ritagliando al PSG potrebbe presto diventare troppo stretto rispetto alle sue ambizioni smisurate di carriera.

Mbappé tra record, rinnovo e futuro
Kylian Mbappé, stella del PSG: con la maglia dei parigini ha già toccato quota 90 gol e adesso il Real Madrid è pronto a fare pazzie per assicurarselo in estate

Mbappé brucia primati e aspetta il Real Madrid: il PSG lavora al rinnovo

La sua crescita non è passata inosservata e ha fatto invaghire un po' tutti. In particolar modo, il Real Madrid, che da due anni gli fa il filo in maniera nemmeno troppo velata. I Merengues sarebbero pronti a sferrare l'attacco decisivo in estate, quando il giocatore potrebbe decidere che i suoi giorni nella capitale francese siano giunti al termine, ma il club transalpino non vuole lasciare nulla di intentato. Per questo motivo, come riportato da Paris United, lo sceicco Al-Khelaifi ha già fatto sapere che Mbappé è l'unico giocatore della rosa da considerare incedibile, anche di fronte a un'offerta esagerata.

Una presa di posizione importante, quella del presidente del PSG, che ha deciso di mostrare i muscoli per evitare di perdere il suo pezzo da novanta. Poi però esiste una cosa chiamata realtà, la quale impone qualche ragionamento un po' più articolato. Per prima cosa, va specificato che Mbappé ha un contratto in scadenza nel giugno del 2022 e, qualora non dovesse rinnovare nei prossimi mesi, c'è il rischio che tra un anno possa accordarsi con qualche altra società facendo leva sulla scadenza imminente. Tamim bin Hamad Al-Thani, proprietario del PSG, sta lavorando per buttare giù la prima bozza di rinnovo.

Oggi l'astro nascente del calcio mondiale guadagna circa 17 milioni di euro netti a stagione, molti meno rispetto a Leo Messi e Cristiano Ronaldo. In chiave economica, quindi, servirà un'offerta da capogiro per convincerlo a respingere la corte di Florentino Perez, che si spingerebbe fino addirittura a 50 milioni di euro l'anno per assicurarsi l'erede designato dei due fenomeni di cui sopra. Il PSG deve quindi fare un passo avanti deciso, soprattutto se vuole tenere il giocatore almeno un altro biennio, che poi sarebbe l'obiettivo principale di una dirigenza al momento occupata con la pianificazione della prossima stagione.

Nell'inverno del 2022, infatti, si giocheranno i mondiali in Qatar: Mbappé, in tal senso, rappresenta non solo una delle stelle della manifestazione, ma anche la figura da copertina da poter esibire per la società parigina, legata a doppio filo con il paese del Medioriente. Ma da qui alla Coppa del Mondo mancano ancora più di due anni e mezzo, nel mezzo dei quali il francese ha la possibilità di crescere ancora e sfondare nuovi record. A quel punto, se il Real Madrid dovesse veramente fare sul serio, ad Al-Khelaifi non rimarrebbe che monetizzarlo al massimo e rifondare, per l'ennesima volta, il PSG. Di certo, a oggi, c'è però il fatto che per portare via Mbappé agli sceicchi, occorreranno argomenti molto importanti.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.