Corte Strasburgo respinge ricorso di Platini. La FIFA: "Ci deve 2 milioni"

È stato respinto dalla Corte Europea dei diritti dell'Uomo di Strasburgo il ricorso presentato dall'ex presidente della Uefa contro la squalifica di 4 anni da qualsiasi attività calcistica.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

È stato giudicato inammissibile dalla Corte europea dei diritti dell'Uomo di Strasburgo il ricorso presentato dall'ex presidente della Uefa Michel Platini contro la squalifica di 4 anni (inizialmente era stato squalificato dal comitato etico della FIFA per 8 anni ma la pena è stata ridotta prima a 6 e infine a 4 dal TAS) da qualsiasi attività calcistica. "Vista la gravità dei fatti contestatigli - si legge tra le motivazioni date dai giudici - la posizione di responsabilità che Platini ricopriva negli organismi sportivi e la necessità di restaurare la reputazione del calcio e della FIFA, la sanzione impostagli non appare essere stata eccessiva o arbitraria". Platini aveva giustificato il suo ricorso parlando di procedimenti non equi e ritenendo la squalifica di 4 anni incompatibile con la libertà di esercitare un mestiere oltreché una violazione del diritto al rispetto della vita privata. Ricordiamo che l'accusa per l'ex stella della Juventus era di aver percepito indebitamente 2 milioni di franchi svizzeri nel febbraio 2011 dall'allora presidente della FIFA, Sepp Blatter. La giustizia svizzera lo ha scagionato dalle accuse di corruzione nel maggio 2018, il massimo organo calcistico mondiale chiede invece che quella somma venga restituita. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.