Ceferin, il Fair Play Finanziario non è perfetto: "Lo modificheremo"

Il presidente dell'Uefa ha dichiarato che, in futuro, il FFP verrà migliorato sulla base degli errori commessi.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il Fair Play Finanziario non è perfetto. Assioma che già in tanti avevano afferrato, e che ora ammette apertamente colui che dovrebbe difenderlo in prima linea: il presidente dell'Uefa, Aleksander Ceferin. Un passo indietro per certi versi inaspettato. Visto che arriva a poche settimane dalla condanna esemplare rifilata al Manchester City proprio dall'Uefa, e proprio perché i Citizens non hanno rispettato il FFP.

Ma Ceferin non si è fatto troppi problemi. Dopo averlo elogiato, ha anche evidenziato le criticità di un sistema che non va eliminato: va modificato. Secondo il presidente del massimo organo calcistico europeo, il Fair Play Finanziario dovrà adeguarsi al calcio che cambia. Aggiornarsi. L'Uefa lavorerà per far sì che ciò avvenga.

Uefa, Ceferin: "Modificheremo il Fair Play Finanziario"

Intervenuto a Sky Sports UK, Ceferin ha parlato così del FFP:

Il Fair-play finanziario è stato istituito per contrastare le perdite nel calcio, ed è stato un successo. In futuro, però, penso che dovremo adattarlo modificandone alcune componenti. Ne stiamo discutendo. Non so se siano stati commessi degli errori, probabilmente sì. L'industria calcio si evolve e arrivano sempre più soldi. Se consentiremo l'ingresso di denaro? Certo, ma dobbiamo pensare alle conseguenze. E avremo bisogno di adottare misure differenti.

Il presidente dell'Uefa ha poi parlato anche della situazione legata al Manchester City:

Come tutti gli altri club, anche il Manchester City è una risorsa importante per noi e lo rispettiamo. Non è vero che non ci piace, ma questo processo è una cosa diversa. Comunque non lo posso commentare, per due motivi: prima di tutto non ne so nulla, secondo perché non è corretto per un presidente parlare di un caso gestito da un organo indipendente. Quindi non posso dire altro. Non siamo in lotta con nessuno, difendiamo la nostra posizione. Abbiamo punito da 5 a 10 squadre ogni anno, è una procedura regolare. Vedremo come finirà. Accordo extragiudiziale con il club? Dubito che sia un'ipotesi percorribile. Ed è impossibile dire quando si pronuncerà il CAS, si tratta di un caso abbastanza grosso.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.