Portogallo, indagine su frodi dei top club: nel mirino Jorge Mendes

Le autorità fiscali hanno avviato ricerche nelle sedi di Porto, Benfica, Sporting e altre società. Occhi anche sul super procuratore.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Scossone clamoroso nel mondo del calcio portoghese: da questa mattina infatti le autorità fiscali della Nazione hanno dato il via a un'ampissima indagine per possibili frodi che coinvolge tutti quanti i top club del campionato e anche il super procuratore Jorge Mendes.

L'operazione (denominata in codice "Fora do Jogo") è scattata alle prime ore del giorno con ispettori fiscali e militari che sono entrate nelle sedi di squadre come Porto, Sporting Lisbona, Braga, Benfica, Vitoria Guimaraes e molti altri per controllare la documentazione.

Ciò che le autorità cercano sono prove di frode e dell'effettivo ammontare di commissioni pagate dai club ai procuratori, oltre a possibili irregolarità nei contratti dei giocatori anche per quanto riguarda la gestione da parte delle società dei diritti d'immagine.

Mendes con Cristiano Ronaldo
Jorge Mendes nel mirino delle autorità portoghesi

Portogallo, indagine per frode sui top club: nel mirino anche Jorge Mendes

Questa maxi operazione (che comprende l'impegno di 16 magistrati, 181 militari coadiuvati dalla polizia portoghese e 101 ispettori fiscali) ha permesso il sequestro di documenti e hard drive dei computer delle sedi con questo materiale che nei prossimi giorni sarà attentamente esaminato dalle autorità competenti.

Il timore è che i grandi club portoghesi abbiano alterato i loro conti non dichiarando i veri importi delle loro spese per i diritti d'immagine e delle tasse che sarebbero dovute essere pagate. E in tutto ciò l'inchiesta è andata a toccare le abitazioni personali dei presidenti delle società in questione e anche i luoghi di lavoro di Jorge Mendes.

Come spiegato dal quotidiano portoghese Sabado, gli ispettori hanno controllato sia le due case di Porto dell'agente che gli uffici della sua società Gestifute che si trovano a Porto e Lisbona. Il procuratore di giganti del calcio mondiale come Cristiano Ronaldo e Mourinho ora è quindi nel mirino delle autorità portoghesi che credono abbia potuto svolgere attività illecite nelle sue collaborazioni con le società del campionato nazionale.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.