Inter, il presidente Steven Zhang dona 100mila euro al Sacco di Milano

Il patron dei nerazzurri ha donato al Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche "L. Sacco" di Milano. E alla BBC ha dichiarato: "Giocare a porte chiuse la scelta giusta".

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Il presidente dell'Inter Steven Zhang ha dichiarato all'Ansa di aver donato 100mila euro al Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche "L. Sacco" di Milano.

L'Inter ha un legame indissolubile - ha dichiarato il patron nerazzurro - con la città di Milano ed è orgogliosa della dedizione con cui tutto il personale dell'Ospedale Sacco sta facendo fronte alla eccezionalità della situazione. Fin dall'avvio dell'emergenza Coronavirus abbiamo seguito con particolare attenzione e apprensione l'evoluzione della situazione, sia come club sia come azionista, rimarcando in tutte le sedi come l'unica priorità fossero la salute pubblica e la sicurezza. È per questo motivo che FC Internazionale Milano sente il dovere di sostenere l'Ospedale Sacco

Inter, il presidente Steven Zhang: "Giocare a porte chiuse è la cosa giusta da fare"

Alla BBC, poi, Zhang ha parlato del Decreto che impone di giocare in Serie A a porte chiuse:

Giocare a porte chiuse è la cosa giusta da fare, è la scelta corretta affinché la gente non corra rischi. Giocare un match senza tifosi è difficile sotto molti punti di vista e non piace a nessuno, ma è necessario andare avanti con il calendario e con tutte le attività, privilegiando la salute pubblica sopra ogni cosa. Al momento è l'unica opzione percorribile. Come presidente di una squadra di calcio e come manager di una organizzazione coinvolta in questi eventi, non potevo accettare una proposta che avrebbe messo a repentaglio la salute delle persone. Non è importante di che partita si trattasse, non è importante che si rimandasse di 24 o 48 ore: sapevamo che la situazione non si sarebbe risolta in un lasso di tempo così breve. Ho fatto ciò che era giusto fare dal punto di vista morale, anche se dire no è complicato. Abbiamo fatto la scelta giusta e ora tutti se ne stanno accorgendo

Poi ha fatto un bilancio della stagione:

A stagione in corso è difficile tracciare un bilancio, ci sono momenti positivi e altri negativi. È normale, è ciò che appassiona i tifosi. Rispetto al passato stiamo facendo grossi passi in avanti, il nostro allenatore e la nostra squadra stanno facendo un lavoro enorme, è sotto gli occhi di tutti. I nostri tifosi e anche i nostri avversari si sono accorti che il nostro club sta crescendo ed è sempre più forte. Non sono preoccupato del fatto che le partite a porte chiuse possano influenzare le prestazioni della squadra. L'unica cosa che mi preoccupa è la salute pubblica e preservare le persone dai possibili rischi che si corrono partecipando a eventi sportivi con tanti spettatori

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.