A 16 anni sulle orme del cugino: c'è un nuovo talento tra gli Haaland

Il giovane attaccante ha esordito con la prima squadra del Bryne, dichiarando di ispirarsi al bomber del Borussia Dortmund: "Gli chiedo sempre consigli su come stare in campo".

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Dopo decenni di anonimato, inframezzati solo da qualche sporadico risultato, la Norvegia comincia finalmente a raccogliere i frutti di una semina cominciata diverso tempo fa. L'esplosione di Erling Braut Haaland permette alla nazionale scandinava, dopo tanti anni, di poter sognare finalmente in grande. L'attuale centravanti del Borussia Dortmund è stato capace di ritagliarsi uno spazio di grande importanza in un solo anno: dopo aver esordito con il Molde da poco più che maggiorenne, Haaland è passato per 5 milioni di euro nel gennaio del 2019 e, lo scorso inverno, è stato acquistato dai tedeschi per una somma complessiva vicina ai 45 milioni di euro.

Spesso ci si chiede come mai le big d'Europa non battano una certa tipologia di mercati. Se lo facessero, però, si sarebbero accorti che in Norvegia sta esplodendo un ragazzino di appena 16 anni. Si chiama Albert Braut Tjaaland Haaland e sì, il cognome è lo stesso del classe 2000 che attualmente sta conquistato tutto il popolo giallonero del BVB. Il motivo? Semplice: Erling e Braut sono cugini primi, più precisamente da parte di madre. Haaland junior ha esordito nel Bryne, lo stesso club che ai tempi battezzò il cugino maggiore non appena 15enne. Molti vedono l'uno come il successore dell'altro.

E, guardandoli muoversi in campo, non è difficile intuirne i motivi: entrambi sono centravanti, fisicamente potenti - anche se Albert deve ancora terminare la fase di sviluppo -, veloci e con l'istinto del gol innato già dalla giovane età. L'unica differenza sostanziale riguarda il piede col quale calciano: per Erling il sinistro, anche se ha già dimostrato di poter fare male ugualmente dal lato debole, mentre Tjaland preferisce utilizzare il destro. Per il resto, hanno una somiglianza clamorosa, sottolineata in particolar modo dalle cifre sulle quali Haaland junior si sta costruendo il suo principio di carriera.

Norvegia, il cugino di Haaland brucia le tappe: "Erling è il mio modello"

I numeri che arrivano dalla Norvegia sono decisamente incoraggianti: con le giovanili del Bryne, Tjaland ha segnato 30 gol in 22 partite stagionali e, alla fine del match d'esordio con la prima squadra, interpellato dai giornalisti locali si è lasciato andare a una forte dichiarazione di stima verso suo cugino:

Sono contento per come mi sta andando. Haaland è una grande ispirazione per me, il mio modello. Cerco di carpirne i segreti e quando ci sentiamo gli chiedo consigli. Quello che sta facendo è davvero sorprendente, spero di poterlo emulare.

La Norvegia attualmente occupa il posto numero 44 del ranking FIFA, ma oggi può finalmente contare su una rosa di calciatori giovani e, di conseguenza, particolarmente futuribili. Oltre al già citato centravanti del Borussia Dortmund, non va sottovalutata la consacrazione di Martin Odegaard nella Real Sociedad e la vena realizzativa ritrovata da Alexander Sorloth, oggi impegnato in Turchia dopo un'esperienza negativa al Crystal Palace. In difesa invece sta sbocciando il centrale Kristoffer Ajer, classe 1998 del Celtic. Insomma, da quelle parti, si può finalmente cominciare a guardare il futuro con ottimismo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.