Da rebus di mercato a pedina decisiva: il Siviglia scopre En-Nesyri

L'attaccante marocchino, sbloccatosi in Europa League, ha deciso la partita contro l'Osasuna, guadagnandosi l'ovazione del pubblico andaluso.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

In quanto tempo può cambiare una reputazione nel mondo del calcio? A volte, in una sola settimana: è questo il tempo che ci ha messo Youssef En-Nesyri a entrare nel cuore dei tifosi del Siviglia, abbastanza contrariati dal suo arrivo durante il mercato di gennaio per poi cambiare rapidamente idea in seguito ad alcune reti decisive. Le ultime le ha segnate poche ore fa, davanti al quasi tutto esaurito del Ramon Sanchez Pizjuan, permettendo al Siviglia di regolare nei minuti di recupero un coriaceo Osasuna. En-Nesyri non ruba l'occhio, ma è terribilmente efficace. Lo ha dimostrato al Malaga, anche in situazioni abbastanza complicate, così come al Leganes, che se lo è visto soffiare in inverno senza poterci fare nulla.

E lo ha dimostrato anche in Europa League, segnando due giovedì fa un gol molto importante sul campo del Cluj, una rete che ha permesso al Siviglia di passare il turno in seguito allo 0-0 casalingo del match di ritorno. En-Nesyri è una risorsa: lo sa Lopetegui, che lo ha indicato a Monchi come nome principale per sostituire il partente Javier Hernandez, e lo sa lo stesso ex direttore sportivo della Roma, che per strapparlo ai Pepineros ha investito 20 milioni di euro. Una cifra importantissima, tra le più alte della storia del Siviglia, che dimostra quanto la società creda alle potenzialità del ragazzo.

Classe 1997, il talentuoso marocchino originario di Fès ha scalato le tappe da quando è sbarcato in Spagna, cominciando dalle giovanili del Malaga e conquistandosi sempre più spazio grazie a ottime prestazioni condite da raffiche di gol. Con il club andaluso in crisi, En-Nesyri - che nel frattempo aveva avuto qualche problema con la società - ha deciso di rimettersi in discussione in Castiglia: al Leganes ha trovato l'ambiente giusto per affinarsi ulteriormente, prima del grande salto al Siviglia. A Nervion, infine, sta scoprendo una dimensione che sta già dimostrando di poter valere. E, adesso, anche l'addio del Chicharito non fa più così rumore.

Liga En-Nesyri Siviglia
Youssef En-Nesyri, attaccante del Siviglia: arrivato a gennaio dal Leganes per 20 milioni di euro, ha segnato due gol fondamentali contro l'Osasuna entrando definitivamente nel cuore dei tifosi andalusi

En-Nesyri conquista Siviglia: la parabola del talento marocchino

Quando attacca la profondità è straripante, se la palla gli capita sul sinistro può succedere qualsiasi cosa. Per informazioni, chiedere alla difesa dell'Osasuna e al suo leader, Aridane Hernandez, spazzati via dalla furia marocchina che, in un anonimo pomeriggio invernale, si è abbattuta come una tempesta sul club navarro. Il primo gol realizzato è un capolavoro di tecnica, equilibrio ed esecuzione, mentre il secondo è un mix letale di istinto per il gol e capacità di trovarsi al posto giusto nel momento giusto. La sua seconda rete, segnata quando ormai il cronometro aveva toccato quota 93 minuti, ha distrutto i sogni di un Osasuna che stava per portarsi a casa un pareggio in inferiorità.

Ma En-Nesyri i sogni avversari li annienta, associandosi perfettamente a uno stile di gioco - quello proposto da Lopetegui - che gli permette di agire come prima punta con licenza di svariare su tutto l'arco offensivo o, in alternativa, di muoversi a fianco di Luuk de Jong, numero nove puro sul quale l'ex allenatore del Real Madrid ha varato il 4-3-3 del finale di partita. In ogni caso, il risultato non cambia: nell'azione decisiva, l'ex Leganes approfitta proprio di uno spazio aperto dal carrarmato olandese, facendosi trovare pronto in area piccola per la battuta vincente. Rapido, imprevedibile, brevilineo, En-Nesyri è stato uno dei migliori marcatori dell'anno solare 2019.

Nel febbraio dell'anno passato, con la tripletta segnata al Betis, aveva infranto cinque record storici della Liga in soli 90 minuti di gioco, offrendo prestazioni che a quel punto non potevano assolutamente passare inosservate. In estate, il Leganes si era dovuto proteggere dagli attacchi di alcune big di Premier League che lo avevano sondato, ma a un certo punto per il giocatore si era addirittura profilato un passaggio al Barcellona. La chiamata di una big è solo stata rimandata: il Siviglia, nonostante il rendimento altalenante, è terzo in classifica e ha visto il suo talento offensivo sbloccarsi definitivamente. Da qui in poi, comincia il vero divertimento.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.