Liga, Vinicius uomo del Clasico: il brasiliano incendia il Bernabeu

Il carioca interrompe un digiuno del Real Madrid durato più di 7 ore, offrendo una prestazione che cancella gli ultimi mesi passati tra mille difficoltà.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Nel febbraio del 2019, dopo il primo Clasico giocato in Liga, la stampa spagnola scrisse pagine e pagine sulla grande prestazione di Vinicius Junior, che ai tempi era appena arrivato in Europa dopo che il Real Madrid aveva investito una cifra di assoluto livello per portarlo a Chamartin. L'impatto del brasiliano fu immediato, tanto che Zidane, arrivato nella seconda parte di stagione, non ci aveva messo molto a capire le potenzialità di questo classe 2000 pagato a peso d'oro al Flamengo. Le sue giocate incantarono il Camp Nou e, quella sera, i Merengues uscirono con un buon pareggio dal fortino catalano.

A distanza di un anno, Vinicius Junior ha segnato il suo primo gol ufficiale contro il Barcellona: lo ha fatto davanti al proprio pubblico, in una serata che ha segnato il controsorpasso in vetta alla classifica da parte dei Blancos. Una prestazione, quella degli uomini di Zidane, quasi perfetta, accentuata dalla prova del talento carioca, schierato sulla carta come seconda punta ma ben presto tornato nella sua posizione originale, largo a sinistra. Lì ha fatto girare la testa a Semedo, che nell'uno contro uno non lo ha mai preso, e si è costruito individualmente l'assolo che lo ha portato a battere ter Stegen per la rete dell'1-0.

Una fuga quasi solitaria, corredata dalla solita sterzata per mandare a vuoto l'avversario diretto ed entrare in area, dove con un piatto sul primo palo Vinicius ha eluso l'intervento del portiere tedesco, che qualche minuto prima gli aveva negato la gioia del gol chiudendogli lo specchio in uscita bassa. Poi la gioia per una palla che finalmente termina in rete e la corsa sotto la curva occupata dai sostenitori del Real Madrid che, a fine partita, gli hanno tributato un lungo applauso. Infine un saluto alla tribuna, il "cinque" con Sergio Ramos e lo schiaffetto amichevole di Casemiro, che a fine match confiderà:

Negli spogliatoi gli ho detto che doveva provare a tirare. A volte eccede nelle generosità, ma gli ho ricordato che se vuole sa essere decisivo anche sotto porta.

Liga il Clasico di Vinicius Junior
Vinicius Junior festeggia il gol segnato nel Clasico al Barcellona baciando lo stemma del Real Madrid: il brasiliano ha sfoderato una prestazione d'applausi, riscrivendo la propria rinascita dopo un periodo no

Vinicius Junior incanta la Liga: è lui l'mvp del Clasico

Missione compiuta. La rete segnata da Vinicius Junior ha interrotto una striscia di imbattibilità del Barcellona della durata di 7 ore e 5 minuti. Era da così tanto tempo, infatti, che il Real Madrid non riusciva a violare la porta blaugrana, un digiuno che cominciava a essere pesante, interrotto da colui il quale - volenti o meno - rappresenta il futuro dei Blancos. Il carioca è stato uno degli investimenti più importanti degli ultimi anni, con Florentino Perez che - proprio grazie agli arrivi dei vari Valverde, Vinicius, Rodrygo e Reinier - sta portando avanti un processo di ristrutturazione mirato della rosa.

Nonostante ciò, la rete segnata al Barcellona rappresenta una sorta di mini-rinascita per il brasiliano, che in questa stagione aveva passato un periodo abbastanza complicato a livello personale, tanto da essere finito in fondo alle gerarchie di Zidane. Il francese, si sa, non guarda in faccia a nessuno, e per un certo lasso di tempo aveva preferito puntare su Rodrygo, più fresco e in forma rispetto al "socio" di un anno più vecchio. Addirittura, a gennaio Ronaldo voleva Vinicius in prestito al Valladolid. Risposta? Ci spiace, ma il 19enne di São Gonçalo resta qui per giocarsi nuovamente il posto.

Missione compiuta, come testimoniano i numeri messi insieme nel Clasico: contro il Barcellona, il brasiliano ha segnato una rete, toccato 61 palloni complessivi ed effettuato 28 passaggi, con quasi l'85% di precisione. Ha inoltre vinto 6 contrasti, tirato 2 volte in porta ed effettuato diversi dribbling vincenti. Le sue statistiche stagionali in Liga, di conseguenza, cominciano finalmente a salire: adesso Vinicius segna un gol ogni 406 minuti, tira quasi una volta e mezza a partita e si è assestato sul 73% di passaggi completati nella metà campo avversaria. Insomma, seppure a ritmi non esagerati, il talento di scuola rubronegra sta tornando a essere un fattore decisivo. L'età è dalla sua, le qualità ci sono. E adesso, Zidane, ha un'arma in più per il rush finale della stagione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.