Serie A, Lecce-Atalanta con tifosi: la Regione Puglia si oppone

La scelta di aprire la trasferta del Via del Mare ai tifosi bergamaschi non va giù: all'esterno dello stadio postazioni per uno screening sanitario di base.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Anche Lecce-Atalanta, unica partita in programma con fischio d'inizio alle 15 nella domenica di Serie A caratterizzata dal rinvio di cinque partite su 10 per le misure precauzionali legate al Coronavirus, è stata investita dalle polemiche. Alle parole dell'allenatore giallorosso Fabio Liverani, che aveva parlato della scelta di Ministero dello Sport, Figc e Coni come "una decisione senza senso, che agevola solo 4-5 squadre", si somma la presa di posizione della Regione Puglia.

A far discutere è la scelta degli enti preposti di autorizzare la trasferta dei tifosi dell'Atalanta a Lecce, ritenuta in controtendenza rispetto al rinvio di Atalanta-Sassuolo dello scorso turno di Serie A e al "no" alla disputa di gare ufficiali a Milano, distante 60 chilometri da Bergamo. Una decisione definita "di difficile comprensione" e che ha portato "Regione Puglia, Prefettura, Asl territoriale, Comune di Lecce e altre autorità locali hanno dovuto prendere atto di questa decisione del Governo".

La presa di posizione del governo regionale guidato da Michele Emiliano ricalca le parole del primo cittadino di Lecce Carlo Salvemini, il quale in una nota ufficiale aveva spiegato come il rinvio di sole cinque partite non avesse a che fare con le esigenze di prudenza e prevenzione relative alla diffusione del Coronavirus, ma "solo con la tutela degli interessi legati al mondo del calcio che sarebbero stati colpiti dal gioco delle partite a porte chiuse". La tesi di Emiliano è chiara:

Il Governo ha deciso che si giocheranno regolarmente a porte aperte Lecce - Atalanta, Lazio - Bologna, Napoli - Torino senza alcun divieto di trasferta per i tifosi ospiti, di cui pure si è parlato nei giorni scorsi come provvedimento chiaramente auspicato dalla Regione Puglia e dal Comune di Lecce. La decisione di consentire ai tifosi dell’Atalanta la trasferta a Lecce non è condivisa dalla Regione Puglia, perché si teme che questo esponga a inutili rischi di contagio.

Serie A, le misure della Asl per i tifosi in vista di Lecce-Atalanta

La presenza dei tifosi atalantini come un dato con cui fare i conti. Così Regione, Prefettura, Asl territoriale e Comune di Lecce, si legge nella nota, "hanno dovuto prendere atto di questa decisione del Governo" e "si attiveranno per fronteggiare al meglio la situazione prevedendo, in caso di riscontro di sintomi coerenti, l’attivazione di rigorosi protocolli sanitari".

A onor del vero, al Via del Mare non c'è da attendersi un nutrito numero di tifosi dell'Atalanta: gli esponenti dei gruppi ultras della curva nerazzurra hanno annunciato in un comunicato ufficiale la loro assenza per il dietrofront sul Settore Ospiti, chiuso il venerdì sera e riaperto il sabato mattina. I bergamaschi all'arrivo in Puglia saranno sottoposti a termoscanner ed altre prescrizioni mediche nella zona di prefiltraggio, il tutto per rispettare i protocolli diramati dal Ministero della Salute. Stessa scena si ripeterà al momento dell'ingresso nell'impianto sportivo:

Saranno installate agli ingressi dello stadio dalla Asl di Lecce postazioni per uno screening sanitario di base destinato agli spettatori della partita, come accade negli aeroporti. Le postazioni provvederanno all’accoglienza degli ospiti cui saranno notificati gli interventi preventivi previsti dalle disposizioni ministeriali.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.