MotoGP, Iannone: "Dispiace non poter correre, ma sono carico"

Le parole del pilota dell’Aprilia sul caso doping che lo vede coinvolto.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il pilota dell'Aprilia, Andrea Iannone, ha parlato a Sky Sport del caso doping che le vede coinvolto. Lo ha fatto a Losail in occasione della presentazione della RS-GP 2020:

Dispiace tanto non poter tornare subito sulla moto, è un periodo che si sta prolungando un pochino. Il mio luogo abituale sicuramente non è un’aula di tribunale ma il circuito e la pista. Ma sono motivato e concentrato sul da farsi. Mi sto allenando ogni giorno perché quando sarà il momento di tornare voglio essere a posto. Le mie aspettative? Diciamo che è meglio parlare delle aspettative rispetto alla moto che sono state rispettate. Sono contento di questo, per il resto lascio fare alla giustizia

Sulla scorsa stagione:

Sono state fatte scelte sofferte l’anno scorso. Abbiamo sofferto tutto l’anno, ci siamo concentrati per il 2020 e l’intento è riuscito. Mi sento parte integrante di questo progetto, la moto è stata fatta sulle mie indicazioni. Mi sento molto comodo anche da fermo, le pedane sono ok, non è molto larga come l’anno scorso. Per il momento sogniamo e dobbiamo essere positivi per il futuro. Quando hai fiducia nelle corse nulla è impossibile. Dedizione e credere in se stessi porta risultati. Massimo Rivola è stato un grande motivatore e organizzatore, sono contento di lavorare con lui. Sono contento del supporto che Aprilia Racing mi sta dando in questo periodo difficile. Un pilota ha sempre nostalgia, già quando finisce il campionato non vedevo l’ora di tornare sulla moto. Ripeto, il mio habitat naturale non sono le aule di un tribunale, ma la pista. Mi sto allenando tutti i giorni, così da essere pronto quando sarà il momento

Caso doping: la situazione di Iannone

Attualmente Andrea Iannone è stato fermato dalla FIM. Ricordiamo che le analisi delle urine analizzate nel weekend di Sepang condannano il pilota di Vasto, mentre il test del capello presentata dalla sua difesa lo assolve. Iannone è quindi in attesa di una decisione definitiva. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.