Messi: "Amo il Barcellona, non voglio andarmene". E su Lautaro...

Lunga intervista del fuoriclasse argentino rilasciata a Mundo Deportivo.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Il fuoriclasse del Barcellona Lionel Messi ha rilasciato una lunghissima intervista a Mundo Deportivo in cui ha affrontato diversi argomenti, a cominciare dalla sua permanenza in blaugrana (ha un contratto in scadenza nel 2021): 

Amo Barcellona, è casa mia. Finché il club e la gente mi vorranno, da parte mia non ci sarà mai nessun problema. Io voglio rimanere in questo club, vincere un’altra Champions e altre Liga. Molte volte avrei potuto lasciare il club, c’era chi era disposto a pagare la clausola, ma non ho mai pensato di andare via

Sul connazionale Lautaro Martinez, finito da tempo nel mirino del Barcellona: 

Lautaro è spettacolare, impressionante, diventerà un gran giocatore e lo sta dimostrando. È bravo nell’uno contro uno, segna molto, si muove bene in area. Ha qualità. È completo. Ha molto in comune con Suarez. Tutti i buoni giocatori si adattano a giocare tra di loro. Luis potrebbe aiutarlo ad adattarsi. Vederli assieme? Vorrei che potessero venire tutti e provare a vincere tutto

Sul possibile ritorno di Neymar:

Mi piacerebbe molto che Neymar tornasse, è uno dei migliori al mondo. Una persona allegra che si divertiva dentro e fuori dal campo. Provammo a convincerlo a restare, è normale che il modo in cui se n’è andato non sia piaciuto. Ha molta voglia di tornare, si è sempre dimostrato pentito

Poi parla delle sue condizioni:

Io mi sento ancora molto bene, meglio degli anni precedenti. Non sto segnando molto, ma a livello fisico mi sento molto bene. Giocare fino a 40 anni? Vedremo, vedremo…

Sulla polemica a distanza con Abidal:

Ho risposto perché mi sentivo attaccato, si stavano prendendo di mira i giocatori. Si dicono troppe cose sullo spogliatoio, che mette e toglie gli allenatori, e che io abbia potere decisionale. Mettere i giocatori in mezzo al licenziamento di un allenatore mi sembra una follia. È il direttore tecnico che prende le decisioni

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.