UFC FN 167, non solo Anderson vs Blachowicz: in scena Mara Borella

Alle ore 02:00 nella notte fra il 15 ed il 16 febbraio, torna in scena UFC. Stavolta da Rio Rancho, Nuovo Messico, un rematch atteso fra Anderson e Blachowicz. Poco prima del main event, in scena Mara Romero Borella.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Dopo un primo atto andato in favore dello statunitense, Corey Anderson (13-4) e Jan Blachowicz (25-8) sono di nuovo pronti a darsi battaglia. I due si affrontarono la prima volta cinque anni fa, a UFC 191 e la contesa fu vinta da Anderson con un verdetto di decisione unanime da parte dei giudici, al termine delle tre riprese. Stavolta le riprese saranno cinque, i due fighter ai vertici alti della divisione dei massimi-leggeri UFC si giocheranno la possibilità di arrivare ad un passo dalla chance titolata.

Anderson, forte wrestler capace anche di scambiare ed imporsi in ogni area del combattimento, è reduce da un'incredibile ed inaspettata vittoria ai danni della promessa Johnny Walker, schiantato in appena una ripresa a UFC 244. A quota quattro vittorie consecutive, Anderson non va più considerato solo una minaccia alle prime posizioni, ma va visto come un solido contendente completo capace di mettere in difficoltà chiunque. Vittima di tre sconfitte per KO o TKO in carriera, Corey pare aver aggiustato degli errori in fase di impostazione e vuole dimostrare di essere pronto alla chance titolata.

Dal canto suo, Jan Blachowicz si presenta pieno di speranze. L'ex campione KSW è uno striker di tutto rispetto, a mio parere uno fra i migliori della divisione. Rispediti al mittente (ovvero alla categoria inferiore) Luke Rockhold con un KO devastante e Jacare Souza dopo una bella battaglia durata cinque riprese a seguito di una decisione non unanime, Blachowicz si appresta ad affrontare un grappler ostico e pericoloso come Anderson che, dopo la vittoria su Walker deve aver fatto il pieno in termini di fiducia.

UFC, Diego Sanchez all'ingresso in gabbia
Diego "The Nightmare" Sanchez, 38 anni, altro protagonista della serata

UFC Fight Night 167: torna in scena Mara Borella

Ma la notizia che coinvolge un po' tutti i fan nostrani è quella del ritorno in gabbia di Mara Romero Borella (12-6, 2 NC). Mara torna da una sconfitta per TKO contro Laureen Murphy, affrontata nell'agosto dello scorso anno. A quota 2-2 in UFC, la battaglia contro Montana de la Rosa (10-5) sarà cruciale per comprendere il futuro di Mara nella divisione dei pesi mosca UFC. La de la Rosa è reduce anch'ella da una sconfitta, per decisione unanime, contro Andrea Lee, avvenuta nel giugno dello scorso anno. È una fighter ostica e pericolosa, che fa del ground game il suo punto forte e pertanto vorrà affrontare Mara sul suo stesso terreno. Anche Mara fa del grappling a terra il suo biglietto da visita più importante, lo dimostra il suo match d'esordio in UFC contro Kalindra Faria, annichilita in maniera semplice e poi sottomessa.

UFC, prima vittoria nella promotion per Mara Borella
Prima vittoria UFC di Mara Borella, ai danni di Kalindra Faria

Il rischio di vedere le due eccedere nel rispetto reciproco però c'è: data l'esperienza a terra e la sicurezza mostrata nei match precedenti da entrambe le combattenti, il rischio di assistere ad un match improntato sullo stand-up e sullo striking è comunque alto. Non che a noi fan faccia poco piacere: entrambe hanno qualità in piedi e sanno come terminare un match. In questi termini, Mara è leggermente avvantaggiata rispetto alla sua avversaria, che spesso utilizza il proprio striking al fine di portare a terra i propri match per concluderli in sottomissione. 

Tornano in scena, nello spot riservato al co-main event della serata, Diego Sanchez (29-12) e Michel Pereira (23-10). Il primo, ormai superati i giorni migliori, si appresta a chiudere la propria carriera in maniera spettacolare. Personaggio ironico, controverso, lisergico, Diego Sanchez è stato protagonista di interviste e momenti bizzarri, di uscite curiose e di match davvero da urlo. Sicuramente non sarà il Sanchez che ci abituava a battaglie sanguinose fino ad un quinquennio fa, ma "The Nightmare" rimane un fighter tosto e preparato, pronto a dar battaglia. A quota 5-5 negli ultimi 10 match, il suo status è al momento indecifrabile. Ha comunque dimostrato di essere davvero una wild card, specie contro avversari meno quotati.

Pereira invece si presentò in maniera altamente spettacolare nel maggio 2019, al suo esordio in UFC contro Danny Roberts, mettendolo KO dopo meno di due minuti dall'inizio della contesa. Incapace di confermarsi contro Tristan Connelly poi, risultato fumoso proprio nell'incontro opposto al canadese, tenterà di tornare nella colonna dei vincenti facendo fede sul suo stile spettacolare ed imprevedibile, ma deve tenere d'occhio il proprio cardio, esposto ed insufficiente nel match sopracitato. 

Insomma, la ricetta per una buona card c'è. Ricapitoliamo qui la main card in diretta dalle ore 02:00 su DAZN nella notte fra il 15 ed il 16 febbraio:

  • Corey Anderson vs Jan Blachowicz (pesi massimi-leggeri)
  • Diego Sanchez vs Michel Pereira (pesi welter)
  • Montana de la Rosa vs Mara Romero Borella (pesi mosca)
  • Brok Weaver vs Kazula Vargas (pesi leggeri)
  • Rogério Bontorin vs Ray Borg (pesi mosca)
  • Lando Vannata vs Yancy Medeiros (pesi leggeri)

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.