Liga, Setien batte il nemico Bordalas: Barça ok contro il Getafe

Griezmann e Sergi Roberto regalano a Setien un successo importante contro un Getafe mai domo. Finisce 2-1 al Camp Noi, Barça in testa alla classifica.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Vince Setien che batte l'acerrimo nemico Bordalas, rivale con cui le asprezze durano da anni e si trascinano dalla Segunda Division. S'impone il Barcellona sul Getafe e si porta momentaneamente in testa alla Liga, in attesa dell'impegno del Real Madrid di domani contro il Celta Vigo. E dire che il Barça per mezzora soffre le pene dell'inferno, perché di fronte ha un Getafe compatto, cattivo nella riconquista e nel ribaltare l'azione. Gli ospiti segnano e si vedono annullare il vantaggio di Nyom per un fallo dello stesso su Umtiti, poi sfiorano il vantaggio con Molina e Cucurella.

Ma appena la squadra di Bordalas abbassa l'intensità della pressione, ecco che la superiore qualità dei blaugrana viene fuori e il Barcellona passa con Griezmann e raddoppia con Sergi Roberto. Rischia anche di fare 3-0 con Messi, ma Soria è bravo e nega il gol di testa alla Pulce. 

Il secondo tempo è un monologo dei padroni di casa, monologo che si traduce in un possesso palla eterno, volto a smorzare ogni velleità di rimonta del Getafe. Il pallone è sempre tra i piedi di Messi e compagni, ma quando questi esagerano e abbassano troppo i ritmi, ecco che un lampo di Angel riporta in gara gli ospiti. E ancora lui, poco dopo, per poco non fa 2-2 deviando sotto misura una punizione proveniente da destra. Il Barcellona spreca con Griezmann che si divora l'assist di Junior Firpo e la palla del 3-1. Gli assalti finali del Getafe sono sterlili, il Barça vince e ora aspetta il Real. 

Liga, de Jong in azione
Liga, la cronaca di Barça-Getafe

Liga, la cronaca di Barcellona-Getafe

Setien, ancora senza Suarez, si affida ad Ansu Fati in avanti a completare il tridente con Messi e Griezmann, in mezzo spazio ad Arthur e panchina per Rakitic e Vidal. A disposizione, tra le riserve, pure l'ex Inter Rey Manaj. Solita formazione per Bordalas con Molina e Mata a cercare di spaventare la difesa blaugrana. Primi minuti non semplici per il Barça perché il Getafe si difende tenendo le linee strette, mantenendo compattezza e cercando poi la riconquista per andare a pungere in ripartenza. La prima grande chance è per Messi che, servito da un lancio illuminante di Busquets, non riesce a superare Soria con il pallonetto. Tegola per Setien al 21': fuori Alba per infortunio e dentro Junior Firpo. Immediatamente dopo è Busquets a mandare in porta non un compagno, bensì Molina che s'invola verso la porta di ter Stegen, ma ritarda il tiro e viene murato in angolo da Umtiti.

Dal corner conseguente è ancora Molina a rendersi pericoloso, il portiere del Barcellona fa un mezzo miracolo, ma nulla può su Nyom che ribadisce in rete la respinta. Ma il Barça protesta con forza, si lamenta un fallo in mezzo all'area, Cuadra allora va all'on field review e annulla dopo aver giudicato falloso un blocco di Nyom su Umtiti. Getafe però sempre pericolo in contropiede e blaugrana molto fragili dietro e Cucurella non va lontano dal palo sinistro di ter Stegen. 

Barcellona che balla dietro, ma che fa tremare in avanti soprattutto con la coppia Messi-Griezmann: assist super della Pulce, controllo e tocco sotto del Piccolo Diavolo e Soria battuto. Il gol incassato rompe l'equilibrio del match e apre crepe evidenti nel sistema difensivo del Getafe, così al 39' Sergi Roberto trova il suo secondo gol in carriera con la maglia del Barça scaricando all'angolino l'assist di Junior Firpo. Barcellona vicino al tris con Messi, ma Soria dice no al colpo di testa dell'argentino.

La ripresa

Bordalas ci mette cinque minuti per fare i primi due cambi: dentro Angel e Kenedy e fuori Molina e Olivera. L'avvio di secondo tempo però si riassume in un giro palla del Barcellona che è snervante per gli avversari che la palla non la prendono praticamente mai, tanto che al 58' i dati sul possesso dicono 72% Barça contro il 28% del Getafe. Il tiki taka della squadra di Setien porta (finalmente) al tiro Messi che però viene murato da Nyom e deve pure rinunciare al corner perché è lui a toccare per ultimo.

E quando il possesso diventa eccesso... di confidenza, il Getafe sa approfittarne: palla persa dal Barcellona, ripartenza sulla destra del Getafe e cross al limite dell'area per Angel che si conferma miglior dodicesimo della Liga e fredda ter Stegen con una girata alla Messi. Bordalas allora tenta il tutto per tutto e si gioca la carta Amath. 

I blaugrana si rimettono allora a fare sul serio, Ansu Fati accelera e calcia dal limite, Soria manda in angolo come può. Ma è ancora il Getafe a far paura al Camp Nou e ter Stegen deve dar fondo a tutti i suoi riflessi per dire no al tocco sotto misura di Angel. Il Barça replica con Junior Firpo che si fa tutta la fascia sinistra, mette al centro per Griezmann che si divora la palla del 3-1 e della sicurezza. Setien allora mette fosforo in mezzo con Rakitic per Arthur e ancora le Petit Diable si becca gli improperi del Camp Nou mandando a lato un'altra chance per chiudere il match. Il Getafe ci prova fino all'ultimo, ma il Barcellona resiste e sfiora ancora il tris con Messi. Ma alla fine è 2-1 sofferto, sudato e che in attesa del Real riporta i blaugrana in testa. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.