Fonseca: "Nella Roma non ci sono divisioni, siamo tutti uniti"

Le parole del tecnico giallorosso in conferenza stampa alla vigilia del match contro l'Atalanta.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Alla vigilia di Roma-Atalanta, match della 24esima giornata di Serie A, ha parlato così in conferenza stampa il tecnico dei giallorossi Paulo Fonseca: 

Affrontiamo una grandissima squadra con grandi qualità, che attacca in modo particolare e ha grandi giocatori. Sarà una delle partite più difficili della stagione. Bisogna prendere decisioni rapidamente contro l'Atalanta, perché mettono molta pressione e recuperano tanti palloni, creando azioni in contropiede. Non c'è tempo per decidere, abbiamo lavorato su queste situazioni per fare una buona partita. Cambi tattici? Vediamo, abbiamo già cambiato nelle altre partite, l'importante è non cambiare i principi in cui crediamo. In questo momento, dopo due sconfitte, tutto è messo in dubbio. Ma quando noi crediamo nel nostro lavoro, significa che non è tutto male ciò che facciamo. Dobbiamo tornare a fare bene, questa è l'unica cosa importante per me. Mancini a centrocampo? Una possibilità, vedremo domani

Su Carles Perez: 

Carles ha fatto una buona partita contro il Bologna, è un ragazzo che sta capendo il calcio italiano che è diverso da quello spagnolo. Penso che la partita contro il Bologna sia stata particolare, non era il miglior momento per far giocare Perez, non è facile che sia titolare domani

Su Diawara:

Diawara sta migliorando, la prossima settimana può essere decisiva. Stiamo seguendo la sua evoluzione insieme ai medici, spero che durante la prossima settimana possa tornare in gruppo

Su Mkhitaryan: 

Parliamo di un giocatore veramente importante, ha una grande esperienza. Mkhitaryan può giocare come ala, come trequartista, può giocare davanti.... Potrebbe giocare anche come portiere, è uno dei giocatori più intelligenti che conosca

Sul coraggio che deve avere la sua squadra:

Per giocare nella mia squadra bisogna avere coraggio, e penso che i miei giocatori siano stati sempre coraggiosi. Per esempio non è facile giocare contro la Juve, ma abbiamo reagito dopo il gol. La squadra ha accusato molto la partita contro il Sassuolo, abbiamo perso iniziativa e tranquillità. Io ho giocato a calcio e per me è facile capire quando succedono queste cose

Su Under e Kluivert:

Dopo l'infortunio, Kluivert non ha fatto buone partite. Under ha giocato bene dopo l'infortunio di Zaniolo, ma loro sono soltanto due giocatori, in questo momento abbiamo bisogno di tutta la squadra, abbiamo bisogno dei giocatori di esperienza, adesso è difficile giocare per i giovani

Sul VAR challenge:

Sono a favore di tutto ciò che possa migliorare il lavoro degli arbitri, ma confesso di non averla capita bene, magari meglio aspettare per poterne parlare in modo più approfondito

Sullo sfogo di Petrachi:

Io sono totalmente concentrato nella partita contro l'Atalanta, non voglio commentare nessuna dichiarazione di Petrachi, in questo momento non ci sono divisioni, siamo tutti insieme, lavoriamo insieme per fare una buona partita a Bergamo

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.