Catania, perquisizioni della Finanza nelle proprietà di Pulvirenti

Provvedimento emesso dal gip etneo per l'ipotesi di bancarotta della società Meridi, del Gruppo Finaria.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus in offerta a tempo limitato per 1 anno a 59,99 euro. Offerta valida sino al 23 marzo 2020.

Proseguono i guai per il Catania. Perquisizioni dei finanzieri e acquisizioni di documenti contabili sono in corso nelle sedi delle società di Nino Pulvirenti. Si tratta di un provvedimento emesso dal gip etneo, su richiesta della locale Procura, per l'ipotesi di bancarotta della società Meridi, del Gruppo Finaria, che gestisce i supermercati Fortè in tutta la Sicilia.

La società Meridi - fanno sapere gli inquirenti - rappresenta la principale attività d'impresa in grado di garantire al gruppo flussi costanti di liquidità.

L'esposizione debitoria di Meridi, pari a oltre 90 milioni di euro di debiti erariali e previdenziali, ha determinato la dichiarazione del Tribunale Fallimentare di Catania dello stato di insolvenza e la conseguente nomina di commissari giudiziali. Nello specifico le perquisizioni hanno riguardato diversi siti collegati alle società Meridi: Torre del Grifo Village, quartier generale del Calcio Catania con sede a Mascalucia; Hotel La Fenice di Belpasso; l'Istituto di vigilanza privata ANCR e la ditta Sicurtransport, entrambe a Belpasso; e l'azienda agricola Biorossa.

Catania, Finanza da Pulvirenti

In aggiunta sono state perquisite le sedi di uno studio commercialista a Messina e di uno studio legale internazionale a Roma, in quanto depositari di documentazione afferente operazioni finanziarie (tra le quali l'emissione di un Bond e, in generale, attività di ristrutturazione del debito) effettuate dalla Finaria.

A conclusione dell'operazione anche le perquisizioni domiciliari per Nino Pulvirenti, Carmelo Sapienza (rappresentante legale di Meridi), Santi Maria Pulvirenti (rappresentante legale di Biorossa), Francesco Cipolla (nell'amministrazione di Meridi), Davide Franco (presidente Cda Finaria e Calcio Catania) e Giuseppe Davide Caruso (consigliere nel cda Finaria e Calcio Catania).

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.