NBA, LeBron James ricorda Kobe Bryant: "Vivrai per sempre, fratello"

Il toccante discorso di LeBron durante la cerimonia di ricordo dei Los Angeles Lakers che ha preceduto la gara contro Portland.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Hanno pianto in tanti allo Staples Center in occasione della prima gara dei Los Angeles Lakers dopo la morte di Kobe Bryant. Tra coloro che hanno preso la parola durante la cerimonia che ha preceduto la gara non poteva mancare LeBron James, grande amico di Black Mamba. Con la maglia numero 24 addosso, così come tutti i suoi compagni, LeBron ha detto:

Prima di cominciare con il discorso che ho preparato, voglio ricordare tutte le vite che sono andate perdute domenica mattina. Ho qualcosa di scritto con me perché mi hanno chiesto di seguirlo per non perdere la rotta, ma tradirei la fiducia della Laker Nation se leggessi qualcosa di preparato, perciò parlerò direttamente dal cuore. La prima cosa a cui penso è il senso di famiglia. Guardandomi intorno vedo che tutti siamo in lutto, stiamo soffrendo e abbiamo il cuore a pezzi, ma in momenti del genere l’unica cosa da fare è appoggiarsi alla spalla della propria famiglia. Prima di venire qui avevo sentito parlare della Laker Nation e di quanto sia presente questo sentimento di famiglia, ed è quello che ho sentito nell’ultima settimana, da domenica mattina fino a questo momento. Non solo dai giocatori, dal coaching staff o dall’organizzazione, ma da tutti. Tutti quelli che sono qui fanno parte di una vera famiglia, e so che Kobe, Gianna, Vanessa e tutta la famiglia Bryant vuole ringraziarvi dal profondo del loro cuore, come Kobe ha detto nel suo ultimo discorso qui

LeBron ha proseguito così: 

So che prima o poi ci sarà una commemorazione per lui, ma guardo a questa serata come a una celebrazione dei 20 anni del sangue, del sudore, delle lacrime, del corpo che crolla e delle innumerevoli volte in cui si è rialzato, delle infinite ore di lavoro, della determinazione a diventare il più grande giocatore possibile. Stanotte celebriamo il ragazzo che è arrivato qui a 18 anni e che si è ritirato a 38, e che è diventato il miglior padre che abbiamo visto negli ultimi tre anni. Kobe è un fratello per me. Sin da quando ero al liceo, guardandolo da lontano, a quando sono entrato in questa lega, guardandolo da vicino, fino a tutte le battaglie che abbiamo avuto nelle nostre carriere, la cosa che abbiamo sempre condiviso è la determinazione a vincere e ad essere grandi. Il fatto che io sia qui a ora vuol dire tantissimo per me: insieme ai miei compagni vogliamo portare avanti la sua eredità non solo per questa stagione, ma fino a quando potremo continuare a giocare a pallacanestro perché è quello che amiamo ed è quello che avrebbe voluto lui. Perciò, nelle parole di Kobe Bryant: Mamba out. Ma nelle nostre parole: non verrai mai dimenticato. Vivrai per sempre fratello

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.